Dal giro in gondola alle casette colorate di Costa Nova, passando per l’assaggio degli ovos moles: ecco le 7 imperdibili cose da fare e vedere ad Aveiro.


Case color pastello che si specchiano nelle acque dell’Oceano Atlantico, atmosfere vacanziere che sanno di buon cibo e buon vino, vicoli stretti e lunghi su cui si affacciano negozietti di souvenir e ristorantini, grandi gondole che ondeggiano tra le sponde dei Canali. Aveiro è una piccola cittadina che sorge sulla costa occidentale del Portogallo, all’interno di una laguna che prende il nome di Ria de Aveiro.

Situata a circa 75 chilometri di distanza da Porto, Aveiro è un fazzoletto di terra che, per la sua bellezza, si è meritata l’appellativo di “Venezia del Portogallo”. Con gli edifici in stile Art Nouveau, i grandi canali e le imbarcazioni a forma di gondola che solcano le acque dei canali, questa località è divenuta una delle mete estive più amate dell’intero Paese.

LEGGI ANCHE: Itinerario e consigli per un viaggio in Portogallo

7 COSE DA FARE E VEDERE A AVEIRO

Ho avuto il piacere di scoprire Aveiro durante il mio on the road in Portogallo e devo ammettere che ne sono rimasta letteralmente incantata. Per visitare bene la cittadina serve almeno una giornata piena, ma vi consiglio di trascorrervi anche una notte se ne avete la possibilità. L’atmosfera di Aveiro, in particolare quella serale, è così leggera che perdersela appare quasi come un crimine.

Prima di lasciarvi la lista delle 7 cose assolutamente da fare e vedere ad Aveiro, vi do due consigli su dove dormire e dove mangiare. Se cercate un posto centrale, pulito, carino e super economico, optate per il Family House. Non lontano troverete anche il ristorantino O Adriano che garantisce pesce fresco (provato personalmente) a prezzi davvero bassi.

  1. Cattedrale di San Domenico

La Chiesa madre di Aveiro sorge all’incrocio tra la Rua do Batalhão de Caçdores e l’Av. 5 de Outubro ed è un imponente edificio in stile barocco.

Aveiro, 7 cose da fare e vedere

Costruita nel 1423, la Cattedrale è caratterizzata da una chiesa a croce latina, una facciata manierista con una bella porta barocca ed un campanile.

DOVE DORMIRE A AVEIRO: tutte le offerte

All’interno si trovano numerose finestre decorate da azulejos, cappelle laterali di epoca barocca, un altare maggiore e due pulpiti in pietra. L’ingresso alla Cattedrale di San Domenico è gratuito.

  1. Monastery of Jesus

Il Convento di Gesù sorge proprio dinanzi alla Cattedrale di San Domenico, lungo l’Av. Santa Joana, ed ospita oggi il Museo Aveiro. Fondato nella seconda metà del XV, il Convento era dell’ordine femminile domenicano e, tra i suoi ospiti “eccellenti”, ebbe la principessa D. Giovanna, figlia di Alfonso V.

LEGGI ANCHE: 10 cose da fare e vedere a Oporto (Porto)

All’interno si trovano conservati gli spazi dedicati alla vita monastica tra cui l’atrio, il chiostro del XV secolo con un colonnato rinascimentale, alcune cappelle manueline decorate con azulejos e la casa capitolare.

L’attrazione principale è data dalla Chiesa di Gesù, grande esempio di arte barocca. E’ qui che si trova la tomba marmorea della principessa Giovanna realizzata dall’architetto reale Antunes.

Gli orari di apertura del Monastry of Jesus sono 9:00 – 17:30.

  1. Costa Nova do Prado

Con le casette a righe color pastello, la sabbia dorata e l’atmosfera tipicamente estiva, Costa Nova do Prado è una delle località balneari più popolari del Portogallo.

LEGGI ANCHE: Coimbra, cosa vedere e come arrivare

Situata sulla Ria de Aveiro, vera dirimpettaia dell’Oceano Atlantico, Costa Nova sorprende per i suoi colori e la sua allegria. Tra le cose assolutamente da fare ad Aveiro spiccano dunque la foto con le tipiche palheiros (casette a righe) e la passeggiata sul lungomare.

Il consiglio! Costa Nova do Prado dista circa 10 chilometri dal centro di Aveiro. La fermata dell’autobus che percorre la tratta si trova esattamente in Rua do Clube dos Galitos. Il biglietto costa 2,40 euro (solo andata) ed è direttamente acquistabile sul mezzo.

  1. Quartiere dei Pescatori

Il quartiere dei pescatori è un pittoresco fazzoletto di terra racchiuso tra il Canale Centrale e Cais dos Mercantes. E’ qui che si trovano alcune case tipiche di Aveiro nonché il Mercato del Pesce, il grande Jardim do Rossio e la cappella di San Gonçalinho (a cui gli abitanti dedicano ogni anno una festa speciale).

 

Il consiglio! Recatevi al Mercato del Pesce la mattina presto quando i venditori iniziano a mettere all’asta, con urla e sorrisi, la loro mercanzia.

DOVE DORMIRE A AVEIRO: tutte le offerte

  1. Giro in gondola lungo il Canale Centrale

Aveiro è chiamata la “Venezia del Portogallo” per alcuni suoi scorci molto simili a quelli della Venezia italiana. Tra questi spiccano i Canali e le barcos moliceiros, imbarcazioni a forma di gondola che un tempo venivano utilizzate per raccogliere le alghe. Se volete provare l’ebrezza di guardare la città da un punto di vista differente, il giro in gondola può essere un’ottima idea. Il costo è di circa 10-15 euro a persona.

  1. Visitare le Saline di Aveiro

Le saline di Aveiro si trovano alla periferia della città e rappresentano la vera essenza della laguna. L’acqua salata di cui è costituita Ria de Aveiro fa sì che questa sia infatti la patria dei collettori di sale.

Il sale di Aveiro è detto “flor de sal” ed è un prodotto finissimo oltreché altamente rinomato. Il prezzo della visita alle saline, compreso di giro in mocileiro, è di circa 12-15 euro.

  1. Assaggiare gli ovos moles

Tra le cose assolutamente da fare e vedere ad Aveiro non poteva mancare l’assaggio degli ovos moles, dolce tradizionale della città nonché, dal 2009, anche prodotto IGP. Si tratta di piccole ostie dalle forme più svariate contenenti tuorli d’uovo crudi e sciroppo di zucchero.

DOVE DORMIRE A AVEIRO: tutte le offerte

Cosa mangiare in Portogallo

Si narra che la prima ricetta degli ovos moles sia stata sperimentata nel Convento di Gesù e che essa si sia poi diffusa all’interno dei monasteri grazie ad un particolare utilizzo che le religiose facevano della chiara d’uovo. L’albume veniva infatti impiegato per stirare gli abiti mentre il tuorlo, invece di esser buttato, divenne l’ingrediente chiave di dolcetti unici e sfiziosi!

Veronica Crocitti