Itinerari a piedi per visitare Torino, il capoluogo del Piemonte, in uno, due o tre giorni. Consigli pratici per un viaggio indimenticabile.


Torino è una delle città più a misura d’uomo d’Italia, abbastanza grande da essere considerata metropolitana e abbastanza piccola da esser vista, da chi ci vive, come un grande paese. Quando si viene in visita nel capoluogo piemontese, se si sceglie di soggiornare in centro, è pertanto possibile raggiungere a piedi le principali attrazioni.

Itinerari a piedi Torino uno, due, tre giorni

Vi lascio di seguito un semplice itinerario da poter sviluppare in 1, 2 o 3 giorni in base alla vostra disponibilità di tempo. Si inizia dalle “cose assolutamente da vedere a Torino“, imperdibili in sole 24 ore, andando pian piano aggiungendo tutte le altre.

Cosa vedere a Torino in un giorno

Visitare Torino in un solo giorno non vi permetterà chiaramente di soffermarvi sui dettagli magici di questa città ma di avere, ad ogni modo, la possibilità di vedere i principali monumenti e assaggiare anche qualche piatto tipico piemontese. In questo caso è assolutamente indispensabile che voi scegliate un hotel molto centrale di modo da non perdere tempo negli spostamenti e avere tutto a portata di mano.

DOVE DORMIRE A TORINO: Trova tutte le offerte

Sosta a Piazza San Carlo, il salotto della città

Il tuo tour comincia da una delle principali piazze cittadine, Piazza San Carlo, considerata il salotto della città, pieno di bar storici in cui vale la pena fermarsi per un caffè. Sceglietene uno tra il Caffé San Carlo e il Caffé Torino, dove numerosi personaggi illustri e intellettuali sono passati negli anni e ne hanno fatto la storia. Se siete superstiziosi calpestate le palle del toro dorato che trovate davanti al Caffé San Carlo, simbolo di Torino e portafortuna.

blank

Quella che vedrete al centro della piazza è la statua a cavallo di Emanuele Filiberto e i due edifici praticamente uguali davanti sono le chiese gemelle di San Carlo Borromeo e di Santa Cristina.

LEGGI ANCHE: I 5 luoghi più misteriosi di Torino

Il Museo Egizio

Sorseggiato un caffè in questo piacevole salotto proseguite l’itinerario a piedi nel centro di Torino su via Lagrange in direzione del Museo Egizio. Si tratta senza dubbio di uno dei musei più belli della città nonché terzo al mondo nel campo dell’archeologia egizia e il più antico a livello globale. Al suo interno ci sono più di 3.000 reperti archeologici, disposti su 4 magnifici piani.

Itinerari a piedi Torino uno, due, tre giorni

Il museo è aperto dal martedì alla domenica, dalle 9.00 alle 18.30 e il lunedì, fino alle 14.00. Il costo d’ingresso è di 15 euro. A causa delle lunghe code vi consiglio di prenotare la vostra visita con largo anticipo.

Palazzo Carignano

Terminata la visita al Museo Egizio proseguite e raggiungete Piazza Carignano, dove potrete ammirare la facciata di Palazzo Carignano, edificio che nel 1861 ha ospitato il primo parlamento italiano. Avendo un solo giorno a disposizione vi consiglio di ammirarlo da fuori e poi proseguire la scoperta della città. Tenete comunque a mente che, al suo interno, è presente il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano.

DOVE DORMIRE A TORINO: Trova tutte le offerte

La Mole Antonelliana

Dopo un pranzo veloce è ora di continuare l’itinerario a piedi nel centro di Torino dirigendosi verso il simbolo della città, la Mole Antonelliana con, al suo interno, il Museo Nazionale del Cinema. Alta 167 metri, la Mole è stata progettata nel 1863 da Antonelli come sinagoga. Solo successivamente fu trasformata in museo.

LEGGI ANCHE: Dove e cosa mangiare a Torino

L’ascensore panoramico interno in cristallo permette di raggiungere la cima e godere della bellissima vista su tutta la città mentre l’itinerario interattivo del museo ripercorre la storia del cinema fino ai giorni nostri. Il costo del biglietto è di 14 euro, comprensivo di museo più ascensore. L’orario di apertura è tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.00, escluso il martedì (giorno di chiusura).

blank

Torino by Night

Finita la visita alla Mole dirigetevi verso Piazza Vittorio, la più grande piazza d’Europa senza statue. Affacciata sul Po e sulla chiesa della Gran Madre, una delle più importanti della città, essa è uno dei centri della movida torinese. Fermatevi qui per un aperitivo prima di spostarvi nel vivace quartiere del Quadrilatero, ricco di piole e ristorantini tipici, perfetti per la cena. 

Cosa vedere a Torino in due giorni

Se i vostri giorni a disposizione sono due, ecco come continuare la vostra visita alla scoperta di Torino. Alzatevi ad un buon orario e, dopo una veloce colazione, dirigetevi verso Piazza Castello, altro cuore pulsante della città. Qui potrete visitare due importanti edifici: Palazzo Reale e Palazzo Madama. Il primo fa parte del complesso dei Musei Reali di Torino, il secondo invece era l’antica residenza della Regina.

Il Duomo di Torino

Potete fermarvi a mangiare qualcosa nella piazza o in via Garibaldi, una delle vie dello shopping cittadino, per poi continuare la visita al Duomo di Torino dedicato a San Giovanni Battista, Patrono della città. Al suo interno è conservata la Sindone e una copia dell’Ultima Cena di Leonardo.

blank

Il Duomo è aperto tutti i giorni dalle 7.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.00.

LEGGI ANCHE: Visitare la Reggia di Venaria, tutte le informazioni

Porte Palatine

Il vostro itinerario a piedi a Torino può poi proseguire verso le Porte Palatine, antico ingresso romano alla città. Si tratta di due torri alte 30 metri di color mattone al cui esterno è stato ricostruito un bastione seicentesco. Sulle due Porte si trovano due statue che sono la copia di quelle originali di Cesare Augusto e Giulio Cesare.

Cosa vedere a Torino in tre giorni

Se avete la fortuna di fermarvi anche un terzo giorno vi consiglio di proseguire il vostro itinerario a piedi e visitare due polmoni verdi di Torino: il Parco del Valentino e il Monte dei Cappuccini.

DOVE DORMIRE A TORINO: Trova tutte le offerte

Parco del Valentino

Prendetevi la mattinata per respirare un po’ d’aria fresca e godervi la passeggiata che costeggia buona parte del centro cittadino e del fiume Po. Al centro del parco del Valentino sorge il famoso Castello… anche se in realtà ne vedrete due, uno molto moderno e sfarzoso, sede ad oggi della Facoltà di Architettura, e un altro inserito in un piccolo borgo medievale molto caratteristico.

Sorpassato il grande ponte levatoio vi sembrerà di entrare in un mondo antico fatto di muri in pietra, stendardi e pozzi di una volta. Il tempo sembra essersi fermato ed è veramente meraviglioso. Volendo, se vi avanza del tempo, potrete visitare anche la Rocca con i quattro piani di appartamenti antichi, caratteristici e ricchi di storia. La Rocca è aperta tutti i giorni, ad esclusione del lunedì, ed il costo di ingresso è di 6 euro. Il Borgo invece è visitabile gratuitamente tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00.

LEGGI ANCHE: Visitare le Langhe: itinerario di 4 giorni

Il Monte dei Cappuccini

Risalendo il Parco del Valentino fermatevi ancora una volta in Piazza Vittorio ed osservate in alto, dritto davanti a voi. Vedrete un edificio abbastanza imponente ergersi da una “montagna”… si tratta del Monte dei Cappuccini, raggiungibile anche a piedi dalla piazza con un 1 km di camminata in salita. La collina, che si trova ad un’altezza di 238 metri, vi permette di ammirare la città di Torino dall’alto. L’edificio ospita il Convento dei Frati Cappuccini e la Chiesa di Santa Maria al Monte dove è anche possibile visitare il Museo della Montagna.

Cosa e dove mangiare a Torino, Piemonte

Un bicchiere di Bicerin

Per concludere in bellezza il vostro viaggio vi consiglio di fermarvi in qualche bar storico della città per gustare la bevanda tipica di Torino: il Bicerin. Il famoso drink non è altro che un caffè servito in un bicchiere grande con crema di latte, cioccolato gianduia o cioccolato fondente (e per i più golosi panna). Era la bevanda preferita di Camillo Benso Conte di Cavour, ma fu apprezzata anche da personaggi illustri come Hemigway, Picasso o Umberto Eco.

DOVE DORMIRE A TORINO: Trova tutte le offerte

Tutto ciò che vi ho citato in questo articolo potrete visitarlo gratuitamente se siete in possesso della Torino Card, che vi permetterà un grande risparmio sui vari biglietti di ingresso.

Veronica Crocitti