Sapevate che, nel cuore di Dublino, si trova una rivisitazione dell’Ultima Cena di Leonardo Da Vinci? Il capolavoro in stile irlandese è una vera chicca.


Realizzata dall’artista John Byrne, questa originale rappresentazione dell’Ultima Cena di Leonardo Da Vinci sorge proprio nel cuore di Dublino, la bella e colorata Capitale dell’Irlanda. L’opera è un affresco su muro lungo 9 metri ed alto 2 che si estende nel viottolo di Bloom Lay, a due passi dal fiume Liffey.

Trova tutte le offerte per alloggi a Dublino

Si tratta di una rivisitazione in chiave irlandese dei tredici personaggi dell’Ultima Cena, qui rappresentati da tredici cittadini dell’Irlanda che, si presuppone, l’artista abbia incontrato a Dublino durante le sue visite.

Ultima Cena di Leonardo Da Vinci a Dublino

L’Ultima Cena a Dublino

L’Ultima Cena di Dublino è un gioiellino quasi sconosciuto ai turisti che gli “autoctoni” amano invece utilizzare per i loro momenti di relax e sosta. L’installazione è stata difatti posta al di sopra di un lungo muretto a panchina che giovani e meno giovani non perdono l’occasione di sfruttare per sedersi e stare in compagnia.

LEGGI ANCHE: 10 cose da fare e vedere a Dublino

Al di là del significato simbolico, l’Ultima Cena di Dublino rappresenta una di quelle attrazioni che, a mio avviso, meriterebbe di rientrare nella migliori cose da vedere a Dublino sia solo per la sua originalità. Ecco perché, dopo aver visitato Castelli, biblioteche e musei “birreschi”, vi consiglio di fare un salto nella piccola Bloom Lay e, come dei perfetti irlandesi, sedere qualche istante sul muretto annesso alla grande opera. Magari gustando un classico fish and cheeps (pesce e patatine fritte), un bacon and cabbage (due fette di bacon con contorno di crauti e patate) o quelle gustosissime patatine dolci chiamate potato biscuits.
Se avete a disposizione qualche giorno in più e volete dare un’occhiata anche ai dintorni di Dublino vi consiglio le visite al Castello di Malahide e alla Baia di Dublino con i villaggi dei pescatori di Howth.
Veronica Crocitti