Per gli amanti di trekking, di escursioni e di sentieri che si snodano tra panorami mozzafiato, le Piscine di Venere di Milazzo rappresentano un percorso senza eguali. Del resto l’intera Sicilia, da est a ovest, è colma di itinerari per tutti i gusti… basta solo scoprirli.

Il sentiero delle Piscine di Venere si snoda nella zona di Milazzo, comune di Messina, e l’itinerario, dai colori vivi e suggestivi, ha inizio esattamente nella frazione di Capo Milazzo. Si tratta di un percorso relativamente breve e accessibile a tutti, che ha come punto di partenza la piazzetta Belvedere, da cui è già possibile scorgere uno scorcio incredibile su tutto il promontorio di Capo Milazzo e sulla Baia di Sant’Antonio. Sulla cima di quest’ultima sorge anche il bellissimo santuario, color rosso mattone, che fu eretto nel 1221 in onore del Santo che qui vi approdò.

Trova tutte le offerte per alloggi in Sicilia

Il Sentiero Naturalistico di Ponente è celebre in tutta l’isola per il suo particolarissimo “traguardo”. Dopo aver percorso circa 1 chilometro di strada, tra fichi d’india, ulivi e ginestre, si giunge infatti alle famose Piscine di Venere. Questi naturali laghetti salmastri sono uno spettacolo che riempie la vista e il cuore.Le Piscine di Venere rappresentano delle rocce asimmetriche che, per la loro conformazione, hanno creato una sorta di risacca dentro la quale la marea fa giungere l’acqua. Immergersi tra queste calette, circondati da rocce intagliate, mentre sullo sfondo si snoda la cosiddetta Stairway to Heaven con affianco la rupe chiamata “il Carciofo”, è un’emozione più unica che rara. Da qui è anche possibile scorgere le Isole Eolie che si stagliano in lontananza, in particolare Vulcano, Lipari, Salina e, nelle giornate più terse, anche Filicudi e Alicudi.

IL PERCORSO DELLE PISCINE DI VENERE DI MILAZZO

Il Sentiero Naturalistico di Ponente ha inizio nella Piazzetta Belvedere, lungo una stradina segnata da un apposito cartello (impossibile sbagliare!). Dopo aver percorso circa 200 metri lungo un viottolo circondato da fichi d’india, si giunge ad una sbarra di ferro. Anche lì ci sarà un cartello pronto ad indicarvi la strada, non temete. Superata la sbarra, ci si addentra in un paesaggio diverso, in cui la strada è circondata da ulivi, mentre alle vostre spalle si erge silenzioso il faro.

Continuando vi ritroverete ben presto a fare i primi passi lungo una scalinata rocciosa letteralmente incastonata tra rocce e distese di ginestre. E’ la cosiddetta Stairway to Heaven, dalla cui sommità potrete scorgere le Piscine di Venere, le Isole Eolie e panorami davvero unici su scogliere a picco e onde che si frantumano sulle rocce. Ai laghetti giungerete dopo circa 200 metri, seguendo l’indicazione, e lì potrete godervi un bagno di puro rilassamento.

Al ritorno potrete decidere se ricalcare le orme dell’andata oppure deviare e prendere il Sentiero che costeggia l’intera Baia di Sant’Antonio e che passa dal vecchio borgo dei pescatori. Io vi consiglio di incamminarvi verso quest’ultimo. E’ relativamente breve (circa 15-20 minuti a piedi) e sbuca poco più giù della piazzetta Belvedere da cui siete partiti. Proseguendo lungo il percorso, passerete anche ai piedi del Santuario eretto in onore di Sant’Antonio e dal piccolo borgo che, un tempo, era la casa prediletta dei pescatori della zona.

LUNGHEZZA E DIFFICOLTA’

La lunghezza del sentiero è di circa 2 chilometri (1 chilometro circa fino alle Piscine di Venere), compreso il ritorno che passa dal percorso della Baia di Sant’Antonio. Non è necessario un allenamento particolare poiché il percorso è facilmente accessibile a tutti. Io consiglio sempre un paio di scarpe comode, da trekking se è possibile, un cappellino e un abbigliamento leggero… con sotto il costume! Il dislivello è di circa 135 metri e la difficoltà generale è bassa.

Sentiero Naturalistico di Ponente

COME ARRIVARE ALLE PISCINE DI VENERE DI MILAZZO

Per raggiungere il Sentiero Naturalistico di Ponente e le Piscine di Venere è necessario giungere a Milazzo. Se siete in macchina, da Messina o da Palermo, dovrete percorrere l’autostrada A20 e imboccare l’uscita Milazzo. Da lì basterà seguire le indicazioni verso l’Asse Viario, e poi percorrerlo fino alla fine. Vi ritroverete nel centro di Milazzo. Proseguite per il Porto (da qui partono navi e traghetti diretti alle Isole Eolie) e, oltrepassando il borgo, immettetevi nella via Addolorata prima e nella via Sant’Antonio dopo. Qualche minuto ancora in macchina e sarete infine giunti alla piazzetta Belvedere. Non temete perché comunque sono presenti cartelli con indicazioni per Capo Milazzo un po’ ovunque!

Veronica Crocitti

#TrekkingConVeronica