Il borgo di San Pantaleo sorge nel cuore della Gallura, nella zona nord-orientale della Sardegna: tutto su come arrivare e cosa vedere.


Incastonato tra i monti del massiccio di Cugnana, ad un’altezza di 215 metri sul livello del mare, il piccolo borgo di San Pantaleo domina sulla Costa Smeralda della Sardegna e rappresenta una vera chicca nel panorama paesaggistico della Gallura.

San Pantaleo, Sardegna: come arrivare e cosa vedere

Anticamente chiamata “Le fonti del Beddoro”, la zona su cui sorge San Pantaleo era considerata un vero e proprio toccasana per chi voleva trascorrere giornate di estremo riposo e benessere. Ancora oggi le fonti del villaggio rappresentano una grande attrattiva.

DOVE DORMIRE A SAN PANTALEO: Trova le offerte

Ho avuto il piacere di visitare San Pantaleo durante il mio progetto “Scorci di Gallura”, un itinerario on the road attraverso la Sardegna nord-orientale, e l’ho trovato semplicemente delizioso.

COME ARRIVARE 

Il piccolo centro di San Pantaleo, altamente suggestivo, dista appena 18 chilometri da Olbia, 10 da Arzachena e 45 da Santa Teresa di Gallura.

DOVE DORMIRE A SAN PANTALEO: Trova le offerte

Vi si giunge in macchina (il miglior modo per spostarsi in Sardegna) imboccando la strada SP 78 che collega Arzachena a Olbia, attraverso un percorso a curve che si affaccia direttamente sulla Costa Smeralda e, nei punti centrali, affianca pittoreschi picchi di granito.

COSA VEDERE A SAN PANTALEO

San Pantaleo (Sardegna) è un piccolo borgo caratterizzato da viottoli, basse case in pietra, davanzali curati, bar e sedioline che danno l’impressione di far parte di un’altra epoca. La sensazione che si prova non appena si giunge al suo interno è proprio quella di essere stati catapultati nel passato.

LEGGI ANCHE: Le spiagge meno conosciute della Sardegna

blank

I negozietti e gli atelier che si susseguono lungo le stradine sono perfettamente integrati nel paesaggio e, anzi, lo rappresentano al meglio. Sono stati artisti, artigiani e pittori, del resto, a popolare il villaggio negli anni ’70 e a conferirgli questo aspetto altamente suggestivo.

DOVE DORMIRE A SAN PANTALEO: Trova le offerte

Tra le cose assolutamente da vedere a San Pantaleo spicca la Chiesa, situata nella piazzetta centrale, il cui interno è semplice ma accattivante. Da non perdere le varie botteghe di artigiani locali, maestri di ferro battuto e legno, nonché alcune prelibatezze come la suppa cùata (zuppa gallurese), gli gnocchi e i papassini.

blank

IL MERCATINO DI SAN PANTALEO

Il mercatino di San Pantaleo è ormai divenuto una delle più amate tradizioni del piccolo borgo nonché di tutta la Gallura tanto che, nella lista delle “migliori cose da vedere a San Pantaleo”, risulta nei primissimi posti.

San Pantaleo, Sardegna: come arrivare e cosa vedere

Si tratta di un mercatino che viene allestito nella piazza centrale, proprio dinanzi alla Chiesa, ogni giovedì mattina fino alle 14:00 (dall’1 maggio al 15 ottobre). L’evento, molto atteso, raccoglie turisti, visitatori e curiosi da ogni dove, tanto da risultare sempre affollatissimo.

DOVE DORMIRE A SAN PANTALEO: Trova le offerte

All’interno del mercatino di San Pantaleo è possibile trovare capi di abbigliamento, accessori di moda, prodotti locali come salumi, vini e formaggi, ma anche frutta e verdura.

NEI DINTORNI 

San Pantaleo sorge nel cuore della zona nord-orientale della Sardegna ed è un ottimo punto di partenza per raggiungere altre località che si trovano in Gallura. Tra queste spiccano Arzachena, con i siti archeologici di Nuraghe La Prisgiona, Nuraghe Albucciu e la Tomba dei Giganti di Coddu Veccju, Olbia, la Costa Smeralda e Porto Rotondo.

Veronica Crocitti