Una mini guida su Pantelleria, la più grande isola minore della Sicilia, con consigli su cosa fare, cosa vedere, come arrivare e dove dormire.


Tra le isole minori della Sicilia, Pantelleria si posiziona al primo posto per grandezza. Con i suoi 84 chilometri quadrati, la Perla del Mediterraneo si staglia a sud ovest di Trapani come terra emersa molto più vicina alle coste dell’Africa che a quelle della stessa Sicilia. I suoi colori, così forti e contrastanti, dominano su ogni paesaggio rendendo l’isola un luogo surreale, incantato e pieno di scorci inaspettati.

LEGGI ANCHE: 5 isole minori da vedere in Sicilia

Ho avuto il piacere di scoprire Pantelleria durante il mio itinerario #UnAbbraccioDiSicilia nel quale, per questa tappa, ho collaborato con l’Ente Parco Pantelleria e l’Azienda Agricola Almanza… e me ne sono semplicemente innamorata.

In questo post cercherò di descrivere al meglio l’essenza di Pantelleria lasciandovi una mini guida su come arrivare, cosa fare e cosa vedere nella cosiddetta Perla Nera del Mediterraneo.

COME ARRIVARE A PANTELLERIA

Pantelleria dista 110 chilometri dalle coste trapanesi della Sicilia ed appena 65 da quelle della Tunisia. Il modo più veloce per raggiungere l’isola è l’aereo. La compagnia FLY DAT effettua collegamenti giornalieri tra l’aeroporto di Pantelleria e quelli di Palermo, Catania e Trapani, a tariffe estremamente convenienti.

La durata del volo è brevissima (da Palermo, ad esempio, solo 45 minuti) e la sicurezza è garantita in ogni fase.

COSA FARE E VEDERE A PANTELLERIA

Per visitare bene l’isola di Pantelleria e riuscire a vivere le sue migliori attrazioni occorrono almeno 7/10 giorni. Il consiglio, una volta giunti, è quello di affittare un mezzo proprio ed esplorare in autonomia, considerando che le distanze non sono per niente brevi.

LEGGI ANCHE: Le migliori 15 spiagge della Sicilia

Vi lascio una lista delle migliori cose da fare e vedere a Pantelleria, almeno secondo me!

Laghetto delle Ondine e Punta Spadillo

Situati nella parte nord-est dell’isola, Punta Spadillo e Laghetto delle Ondine sono due delle attrazioni più famose di Pantelleria. Essi sorgono in una zona rocciosa costellata da pietre laviche nere e verdissima vegetazione spontanea che, nel contrasto, rendono il luogo davvero suggestivo.

Il Laghetto delle Ondine è un’insenatura d’acqua salata alimentata dal mare, a forma di una piscina. Viene così chiamato perché, quando c’è vento, il mare si infrange sulle rocce e crea deliziose ondine.

Cosa fare vedere a Pantelleria, isola minore della Sicilia

Punta Spadillo, invece, si trova poco oltre ed è caratterizzata da un bellissimo faro.

Lago di Venere

Tra le migliori cose da vedere a Pantelleria, il Lago di Venere merita un posto d’onore. Si tratta di uno specchio d’acqua dai colori sgargianti alimentato dalla pioggia e caratterizzato da caldissime acque termali. Assolutamente consigliata la visita notturna.

LEGGI ANCHE: Le piscine di Venere di Capo Milazzo

Cosa fare vedere a Pantelleria, isola minore della Sicilia

Arco dell’Elefante e Faraglione

Non puoi davvero dire di essere stato a Pantelleria se non scatti una foto dinanzi all’Arco dell’Elefante, o almeno così dicono. Si tratta di un vero e proprio simbolo dell’isola che chiude, a est, la scogliera di Cala Levante.

All’estremo opposto si staglia invece il Faraglione di Tracino, ben visibile sia via terra che, ancor meglio, via mare.

Balata dei Turchi

Situata nella parte meridionale dell’isola, la Balata dei Turchi è un’insenatura incorniciata da altissime scogliere che ne fanno da contorno e protezione. Vi si arriva dopo aver percorso una strada scoscesa tra rocce e vegetazione.

Parco dei Sesi e Acropoli

Non tutti sanno che, accanto alla più famosa Pantelleria marina, si nasconde una bellissima Pantelleria culturale e archeologica. Ne fanno parte il Parco dei Sesi con le loro costruzioni funerarie e megalitiche che ricordano tanto le piramidi di Egitto, e l’Acropoli, testimonianza tangibile della presenza di un’antichissima civiltà romana.

LEGGI ANCHE: Cosa mangiare in Sicilia, i migliori piatti della tradizione

Cosa fare vedere a Pantelleria, isola minore della Sicilia

Bosco delle Fate e Montagna Grande

Il Bosco delle Fate, in cima alla Montagna Grande, rappresenta uno dei luoghi più fiabeschi di Pantelleria, assolutamente da inserire nelle cose “da vedere”. Si tratta di un bosco di enormi querce in cui, a dominare, sono solo pace e silenzio.

Sentieri Trekking, Bagno Asciutto e Favare

La bellezza di Pantelleria deriva dalla molteplicità dei suoi paesaggi. Il cuore dell’isola è caratterizzato da sentieri trekking e percorsi naturalistici che aiutano a scoprire luoghi e sfaccettature ancora poco conosciute.

Cosa fare vedere a Pantelleria, isola minore della Sicilia

Tra le più peculiari attrattive spiccano Bagno Asciutto (o Grotta di Benikula), vera e propria sauna naturale, e le Favare, getti di vapore acqueo che fuoriescono dalle rocce.

Degustazione in cantina

Tra le eccellenze enogastronomiche dell’isola, il Passito di Pantelleria è un vino che si è acquistato un posto di primo odine in tutto il panorama mondiale. La DOC è costituita da uve zibibbo al 100% sottoposte ad appassimento o sulla pianta o dopo la raccolta. Nelle cantine di Pantelleria questo processo viene spiegato nei dettagli, per cui la visita con degustazione è assolutamente consigliata.

LEGGI ANCHE: Ustica, isola minore della Sicilia: cosa fare e vedere

Visita guidata all’apicoltura dell’Azienda Agricola Almanza

Si tratta dell’unica azienda di apicoltura di tutta di Pantelleria che merita, senza ombra di dubbio, di essere inserita tra le migliori esperienze da vivere sull’isola. Danny Almanza, giovane apicoltore, oltre ad essere un amante della propria terra, è anche una perfetta guida per chi vuole conoscere la Pantelleria più nascosta, ed anche più vera.

In Azienda è possibile osservare i meccanismi di conduzione dell’apicoltura e degustare l’ottimo miele che vi viene prodotto.

Giro in Barca dell’isola

Non puoi davvero dire di conoscere un’isola se non la osservi dalla prospettiva del mare. Anche per Pantelleria è così. I giri in barca durano solitamente un’intera giornata (dalle 10 alle 17) e prevedono pranzo a bordo e soste per fare il bagno.

Cosa fare vedere a Pantelleria, isola minore della Sicilia

L’agenzia che vi consiglio per vivere un’esperienza davvero unica in mare è quella di “Franco Futura”.

DOVE DORMIRE A PANTELLERIA

Le case di Pantelleria si chiamano Dammusi ed hanno un aspetto del tutto particolare. La struttura è arabeggiante, con i tetti tondi (che servono ad accumulare acqua piovana) e grandi giardini che fanno da contorno. Privacy e silenzio dominano su tutto, e non è un caso che questa sia proprio l’isola dei VIP.

Delle tante strutture in cui potrete scegliere di alloggiare, ve ne sono alcune che uniscono stile, eleganza, organizzazione di escursioni, esperienze ed accoglienza perfetta. Tra queste voglio consigliarvi il Parco dei Sesi, una bellissima Casa Vacanze che si trova all’interno di un’area archeologica, a circa 10 minuti di distanza dal paese. Ho avuto il piacere di alloggiarvi durante il mio soggiorno a Pantelleria e, per me, è stata un’esperienza assolutamente perfetta.

Le camere, ampie e luminose, sono curate con stile e precisione. Gli spazi esterni sono tantissimi e non vi è angolo in cui non potersi rilassarsi e godere del silenzio. La piscina esterna, insieme ai giardini perfettamente tenuti, rendono il tutto ancor più perfetto. Da non tralasciare anche i tramonti. E’ infatti proprio in questa parte dell’isola che, ogni sera, potrete assistere allo spettacolo del sole infuocato che si getta nel Mar Mediterraneo.

Veronica Crocitti