Il Palacio Nacional della Città del Messico è la sede ufficiale del potere esecutivo e ospita i celebri murales dell’artista Diego Rivera.


Il Palacio Nacional della Città del Messico è la sede ufficiale del potere esecutivo. Situato nella Piazza della Costituzione, nel pieno centro storico, esso si mostra agli occhi dei visitatori come un edificio immenso. La sua costruzione risale al 1563 e, in un primo tempo, esso venne utilizzato come sede del viceré. Il primo a mettervi piede fu Luis de Velasco. Dopo la Guerra d’Indipendenza del Messico, nel 1821, il Palacio adottò il nome di Palazzo Ufficiale (nome poi cambiato in Palazzo Nazionale e, infine, nuovamente Palazzo Nazionale nel 1867).

DOVE DORMIRE A CITTA’ DEL MESSICO: Trova tutte le offerte

La visita al Palazzo Nazionale merita un posto d’onore nella lista delle “migliori cose da fare e vedere a Città del Messico“. All’interno, nello spiazzale, si trova la “Campana de Dolores”, suonata nel 1810 all’inizio della Guerra di Indipendenza da Padre Miguel Hildago. Dal balcone, ogni 15 settembre, il Presidente urla “Viva Mexico!” per commemorare l’indipendenza.

LEGGI ANCHE: Merida, la perla dello Yucatan

Il Palacio Nacional è anche la “sede” di una serie di murales dipinti dal celebre artista Diego Rivera. Si tratta di opere che ripercorrono l’intera storia messicana, dalla civilizzazione all’arrivo degli Aztechi, fino al periodo post-rivoluzionario. I nove murales coprono i muri nord ed est del primo piano.

DOVE DORMIRE A CITTA’ DEL MESSICO: Trova tutte le offerte

In questo link ufficiale del Palazzo Nazionale di Città del Messico potrete trovare tutti i dettagli sugli orari di ingresso ed i prezzi. Se state organizzando un itinerario in Messico , non dimenticate di includere questo gioiello tra le mete del vostro viaggio. Vi sarà anche utile sapere che, a due passi dal Palazzo Nazionale, si trovano attrazioni quali il  Palazzo Postale e la Casa de Los Azulejos. Teotihuacan e le Piramidi del Sole e della Luna. sorge invece a circa 30 minuti di strada dalla Capitale del Messico.

 Veronica Crocitti