Dalla passeggiata nel quartiere Ribeira al Chiostro della Cattedrale, passando per la Cappella delle Anime: le migliori 10 cose da fare e vedere a Oporto.


Adagiata lungo la costa nord occidentale del Portogallo, caratterizzata da stradine sinuose e acciottolate, azzurra come il colore delle maioliche che ne adornano case e palazzi, la piccola Porto (Oporto) è una delle città più solari ed amate della penisola iberica.

Con i vicoli che sembrano usciti direttamente da un romanzo medioevale e gli scorci dal sapore quasi bohémien, la città di Oporto viene comunemente chiamata “A capital do norte” (la capital del nord del Portogallo) ed è uno dei centri più attivi del Paese.

Incastonata ai lati del fiume Duero, Porto è caratterizzata da un centro medioevale, monumenti barocchi, azulejos azzurrissime, cibi prelibati, numerosi ponti e un vino tra i più gustosi dell’intera nazione.

10 COSE DA FARE E VEDERE A PORTO (OPORTO)

Ho avuto il piacere di visitare Oporto durante il mio on the road in Portogallo e, grazie ad alcune esperienze di Musement (tra cui la consigliatissima Porto Vintage), sono riuscita a viverne e gustarne ogni meraviglioso scorcio.

DOVE DORMIRE A OPORTO: le migliori offerte

Vi lascio la lista delle 10 cose assolutamente da fare e vedere a Oporto… almeno secondo me!

  1. Quartiere Ribeira

Con le strade acciottolate, le ripide discese e le abitazioni color pastello, il quartiere Ribeira è il più caratteristico della città.

Situato lungo la sponda settentrionale del fiume Duero, sulla cui riva si trovano le caratteristiche barcos rabelos (imbarcazioni per il trasporto del vino Porto), il quartiere Ribeira è la culla delle principali attrazioni di Porto.

Passeggiare tra le vie strette e scoscese di questo pezzetto di terra divenuto Patrimonio Unesco regala la sensazione di esser stati catapultati in un romanzo medioevale dai tratti bohémien e maledetti. E’ qui che si trovano scorci bellissimi come Largo da Pena Ventosa, piazza Ribeira nonché la Chiesta di Sant’Ildefonso e la Cattedrale Sé do Porto.

Il consiglio! Sedetevi in uno dei piccoli bar che si affacciano sul Duero e gustatevi una speciale Pastel de Nata con vista mozzafiato sulle acque azzurre del fiume.

  1. Sé do Porto (Cattedrale)

Situata nella zona più elevata del quartiere Ribeira (esattamente a Batalha), di fianco alle vecchie mura che un tempo protessero la città, la Cattedrale di Porto (Sé do Porto) è un tripudio di arte e bellezza.

L’edificio, la cui costruzione risale all’inizio del XII secolo, presenta diversi stili architettonici perfettamente integrati tra loro. Ad una facciata esterna di impronta tipicamente romanica, con merlettatura e sobrietà, fa da contraltare un interno barocco caratterizzato da elevate colonne ed una stretta navata centrale.

 

Di stile gotico sono invece la Cappella di San Giovanni Evangelista e il meraviglioso Chiostro caratterizzato da alte volte a sesto acuto e pareti con rivestimenti piastrellati di azulejos. L’ingresso alla Cattedrale è gratuito mentre quello al Chiostro ha un costo di 3 euro.

LEGGI ANCHE: Portogallo, itinerario e consigli per un viaggio ‘fai da te’

Il consiglio! Nelle ore del tramonto recatevi al Miradouro da Rua das Aldas, proprio dinnanzi alla Cattedrale, e godetevi il panorama mozzafiato sull’intero quartiere Ribeira.

  1. Livraria Lello (Libreria Lello)

Situata lungo la Rua das Carmelitas, la suggestiva Libreria Lello è un pezzo storico della città, nonché una delle cose assolutamente da vedere a Oporto… almeno una volta nella vita!

Costruita nel 1869 dall’architetto Francisco Xavier Esteves, la Livraria Lello è divenuta celeberrima per il suo stretto rapporto con la saga di Harry Potter, il maghetto di Hogwarts nato dalla penna di J. K. Rowling. Si narra che il salone e la centrale scalinata in legno abbiano ispirato la fiabesca libreria di Diagon Alley.

DOVE DORMIRE A OPORTO: le migliori offerte

L’ingresso alla Libreria Lello è a pagamento e il biglietto costa 5 euro. Solitamente la fila è lunga quindi premunitevi di pazienza… l’attesa verrà comunque ampiamente ripagata!

  1. Capela das Almas de Santa Caterina (Chapel of Souls)

Situata all’incrocio tra le vie Rua de Fernandes Tomás e Rua de Santa Caterina, la Capela das Almas (o Cappella delle Anime) è lo splendido edificio dedicato a Santa Caterina d’Alessandria che, un tempo, rappresentava la sede della confraternita delle Anime.

La principale caratteristica della struttura risiede nelle facciate esterne completamente rivestite di azulejos.

LEGGI ANCHE: 5 cose da fare e vedere a Sintra

Curiosità! I più attivi instagrammer e influencer fanno rientrare questa tappa tra le “cose assolutamente da vedere e fotografare a Oporto”.

  1. Chiesa di Sant’Ildefonso

Incastonata nella parte nord orientale del quartiere Ribeira, la Chiesa di Sant’Ildefonso è un altro grande esempio di arte proto-barocca della città. La facciata, che troneggia sulla Praça da Batalha, è interamente ricoperta dalle azulejos di Jorge Colaço che rappresentano alcune scene della vita di Sant’Ildefonso.

L’ingresso alla Chiesa è gratuito.

  1. Palácio da Bolsa

Il Palácio da Associação Comercial do Porto è uno storico edificio in stile neoclassico che sorge lungo la Rua Ferreira Borges. Costruito alla fine dell’800, il Palazzo fu la sede dell’Associazione Commerciale dei mercanti della città ed ebbe un ruolo di grande prestigio durante tutto il Novecento. All’interno si trovano il Cortile delle Nazioni (con pannelli di vetro ed affreschi di António Ramalho), la Sala Araba (decorata in stile neomoresco), la Sala del Tribunale, la Sala dorata (con mobili di Marques da Silva) ed una biblioteca con circa 10.000 volumi.

DOVE DORMIRE A OPORTO: le migliori offerte

  1. Giro in battello sotto i ponti

La città di Porto assume una bellezza del tutto particolare se osservata dalla prospettiva di un battello che solca il fiume Duero in una soleggiata giornata portoghese. Esistono diverse compagnie che effettuano crociere e gite sotto i ponti di Oporto. I battelli partono dal molo dinanzi alla piazza Ribeira ed effettuano una navigazione che dura circa 60 minuti. Durante il tragitto si ha la possibilità di ascoltare in diverse lingue la spiegazione sui diversi ponti che uniscono le due parti della città nonché sulle sue principali attrazioni.

  1. Degustazione del Vino Porto

Tra le cose assolutamente da fare e vedere a Oporto non può di certo mancare la degustazione in una delle storiche cantine della città. Tra le tante presenti nella zona meridionale, a sud del Duero, ho personalmente scelto di affidarmi alle Caves Cálem. L’esperienza include la visita al museo e alle cantine, la spiegazione in lingua sulla produzione e sull’imbottigliamento, e la degustazione di due (o tre) tipologie del dolcissimo e prelibato Vino Porto. Il prezzi si aggirano intorno ai 13-20 euro, a seconda di quanti vini intendete degustare.

  1. Giardini del Palazzo di Cristallo (Palácio de Cristal)

Tra le bellezze verdi della città spiccano i Giardini del Palazzo di Cristallo situati ad ovest del quartiere Ribeira. Meta prediletta per chi è in cerca di natura e relax, i giardini sono suddivisi in aree tematiche, tra cui spiccano quelle per le piante aromatiche, le erbe medicinali e i fiori sentimentali. Gli orari di apertura (da aprile a settembre) sono 9:00-18:00 e l’ingresso è gratuito.

DOVE DORMIRE A OPORTO: le migliori offerte

  1. Assaggiare la Francesinha

La cucina tipica portoghese è caratterizzata da pietanze a base di pesce (principalmente bacalhau – il nostro baccalà), frutti di mare, formaggi, patate, dolci e, in alcune città, anche trippa e carni. Nella città di Oporto esiste però una specialità particolare di cui gli abitanti vanno davvero molto fieri: la francesinha.

Si tratta di una sorta di tramezzino imbottito con prosciutto, salsiccia e carne, preparato a freddo e poi completamente ricoperto da formaggio fuso fumante. Tra i più rinomati posti in cui gustare la francesisha spicca il Cafè Santiago.

Il consiglio! Se cercate un localino tipico, esclusivamente frequentato da portoghesi, che offra pesce fresco a prezzi modici, andate al Restaurante Roma… nonostante il nome fuorviante, troverete bontà, cordialità e vere prelibatezze locali.

Veronica Crocitti

In collaborazione con Musement