Dal Duomo al rifugio dello Sperlinga, fino a Rocca Salvatesta: cosa fare e vedere a Novara di Sicilia, borgo nel cuore di Messina.


Novara di Sicilia è uno dei “Borghi più Belli d’Italia” della provincia di Messina e si staglia al confine tra i monti Peloritani ed i monti Nebrodi, in una valle sormontata dalla pittoresca Rocca Salvatesta e dalla Rocca Leone.

Cosa fare e vedere a Novara di Sicilia

Con una superficie di quasi 50 kmq, Novara di Sicilia comprende le frazioni di San Basilio, Badiavecchia, San Marco, Santa Barbara e Scellia, e sorge non lontano dalle splendide Tindari e Montalbano Elicona. La sua storia affonda le radici nella leggenda e narra di Noa, città in cui vivevano i mitici Ciclopi 2000 anni prima dell’avvento di Cristo. Arabi, Normanni e Cistercense hanno contribuito, nel corso dei secoli, a far crescere e prosperare questo suggestivo borgo che oggi si caratterizza per strade pavimentate di acciottolato e pietra arenaria, case pittoresche, archi, decori e incantevoli Chiese.

DOVE DORMIRE A NOVARA DI SICILIA: Trova le offerte

Cosa fare e vedere a Novara di Sicilia

Tra le vie del borgo di Novara di Sicilia si respira un’aria di spensierata leggerezza. In questa parte interna della Sicilia è come se il tempo si fosse cristallizzato e la bellezza di un tempo mai mutata. In questo articolo voglio lasciarvi una lista delle migliori cose da fare e vedere a Novara di Sicilia insieme a tutte le informazioni per visitare il borgo e i consigli su come arrivare.

Duomo di Santa Maria Assunta

Il Duomo di Novara di Sicilia si erge nell’omonima piazza ed è dedicato alla Santa Vergine Maria Assunta, patrona della città che si festeggia il 15 agosto. Costituito da tre navate suddivise da dodici colonne in pietra arenaria, il Duomo presenta una bellissima facciata in stile tardo rinascimentale con un portone centrale ed uno stemma a baldacchino.

DOVE DORMIRE A NOVARA DI SICILIA: Trova le offerte

Cosa fare e vedere a Novara di Sicilia

Tra le cose assolutamente da vedere all’interno del Duomo di Novara di Sicilia interno spicca la Cripta circolare con le mummie di alcuni arcipreti, il colatoio, le nicchie in pietra, il tesoro parrocchiale e il battistero.

Santa Maria la Noara

Tra le cose assolutamente da vedere a Novara di Sicilia, la Chiesa Santa Maria la Noara merita un posto d’onore. Situata nella frazione di Badiavecchia, a circa 3 km dal centro storico di Novara di Sicilia, essa faceva parte di un antico monastero cistercense (la prima edificazione circense in Sicilia) risalente al 1137. Da ammirare le finestre ad arco gotico a sesto acuto, l’altare e lo stile sobrio tipico dei monaci circensi.

Chiesa di San Nicolò

Edificata nel 1600, la Chiesa di San Nicolò si presenta ad un’unica navata con una particolare scala in pietra arenaria esterna che ne caratterizza l’ingresso.

blank

Castello

Dell’antico Castello di Novara di Sicilia oggi restano soltanto ruderi eppure un tempo esso rappresentava una meravigliosa fortezza situata su una rupe a strapiombo. Dalla sua cima è ancora possibile ammirare un panorama che, nelle giornate limpide e terse, permette di vedere anche le Isole Eolie.

DOVE DORMIRE A NOVARA DI SICILIA: Trova le offerte

Rifugio della Sperlinga

Situato nella frazione di San Basilio, il Rifugio o Riparo della Sperlinga è una delle cose assolutamente da vedere a Novara di Sicilia. Si tratta di spuntoni rocciosi che, in maniera naturale, hanno creato anfratti e ripari che gli uomini della preistoria utilizzavano come riparo nei periodi di caccia, più di 10.000 anni fa.

Il sito archeologico di Sperlinga sorge a 5 km dal centro di Novara ed è uno dei due “rifugi” mesolitici scoperti fino ad oggi in Sicilia (l’altro è la Grotta di Corruffi, a Pachino, in provincia di Siracusa). Al suo interno si snoda un percorso naturalistico che conduce fino alla base della rocca.

Rocca Salvatesta

Conosciuta anche come Cervino di Sicilia, la Rocca Salvatesta si erge sull’abitacolo di Novara con i suoi 1340 metri di altezza e domina un paesaggio caratterizzato da boschi, querce, pini, prati fioriti e colline di ulivi e vigneti. Per gli amanti di passeggiate e trekking, questo è un vero paradiso.

DOVE DORMIRE A NOVARA DI SICILIA: Trova le offerte

E’ possibile raggiungere la Rocca Salvatesta attraverso un percorso naturalistico che si districa fino alla cima dove è situata una croce nera con Gesù crocifisso. Se si osserva da una determinata prospettiva, la Rocca Salvatesta sembra assumere il profilo di una faccia. Secondo la leggenda, sotto di essa è sepolto un tesoro a cui è possibile accedere solo dopo una serie di prove. Il sito è di importanza comunitaria e… anche carico di mistero!

Da sapere! Non lontano da Rocca Salvatesta di trova Rocca Leone. Anche qui è possibile giungere attraverso un percorso di trekking.

Il torneo del Maiorchino

Tra le tradizioni più conosciute e pittoresche di Novara di Sicilia spicca quella del Torneo del Lancio del Maiorchino che si svolge nel periodo di Carnevale. Non a caso il borgo è conosciuto anche come “il paese del formaggio che rotola”.

Festa del Maiorchino - Novara di Sicilia

Il Maiorchino è gustosissimo formaggio a pasta dura cruda – un pecorino stagionato per oltre 8 mesi – prodotto con latte ovino e realizzato con attrezzi tradizionali quali la “quarara”, la “brocca”, la “Garbua”, il “mastrello” e le “fascedde”.

Cosa vedere nei dintorni

Nei dintorni di Novara di Sicilia sorgono località di grande bellezza quali Montalbano Elicona e Castroreale (tra i Borghi più belli d’Italia), Tindari con l’Area Archeologica di Tindari, Borgo Schisina (tra i Borghi fantasma di Messina) e le Gole dell’Alcantara.

DOVE DORMIRE A NOVARA DI SICILIA: Trova le offerte

Come arrivare a Novara di Sicilia

Il borgo di Novara di Sicilia si trova nel cuore della provincia di Messina, in Sicilia. L’aeroporto più vicino è quello di Catania Fontanarossa. Il modo più semplice per raggiungere la località è la macchina:

  • Da Messina (74 km) o Palermo (200 km): autostrada A20 con uscita a Falcone in entrambe le direzioni;
  • Da Catania (90 km): autostrada A18 (direzione Messina) con uscita a Taormina e proseguimento lungo la SS185.

Veronica Crocitti