Quali sono i balli della tradizione messicana? Tra cucaracha e Huapango, ecco come si anima Plaza Mayor di Merida, perla del Messico.


La domenica, a Merida, perla del Messico, è sempre festa! La Plaza Mayor della perla dello Yucatan si anima di giovani, famiglie, turisti, visitatori e innamorati. Tutti partecipano ai balli e alle danze messe in scena dal locale ufficio turistico della città e si intrattengono fino a notte fonda gustando tacos e tortillas.

DOVE DORMIRE A MERIDA: Trova tutte le offerte per alloggi

L’appuntamento è ogni sera alle 21 in Plaza Mayor, principale piazza della città. Le compagnie di ballerini e danzatori animano il cuore di Merida con balli tipici della tradizione messicana. Tra questi spicca, in prima linea, la Contradanza de Las Varas. Si tratta di una danza proveniente dalla regione settentrionale della Spagna che veniva insegnata ai giovani messicani e che, in passato, si ballava il 25 luglio per evangelizzare il popolo alla fede cristiana. Nel corso dei secoli, la Contradanza de Las Varas divenne un ballo  in onore del Signore della Cappella.

LEGGI ANCHE: Chichén Itzá, una delle sette meraviglie del mondo moderno

Un altro ballo tipico della tradizione di Merida è la cucaracha, divenuta popolarissima a partire dalla fine della rivoluzione. Il folkroristico nome deriva dal nomignolo, cucaracha appunto, con cui veniva bonariamente chiamata la macchina sempre rotta del generale Pancho Villa. Il testo consiste di strofe indipendenti come ad esempio questa, molto famosa:

«Lo scarafaggio, lo scarafaggio
Non riesce a camminar
Perché non ha, perché gli manca
Marijuana da fumar».

Danza in Plaza Mayor, Merida - Messico

Il riferimento alla marijuana è frequente nelle strofe che compongono il ballo della cucaracha ed è da attribuire agli anni in cui si diffuse questa danza, quelli appunto della rivoluzione messicana.

DOVE DORMIRE A MERIDA: Trova tutte le offerte per alloggi

Tra le altre musiche tradizionali di Plaza Mayor, nel cuore di Merida, spicca infine il Huapango, solitamente interpretato da un trio di musicisti che racchiude un violino, una huapanguera e una jarana huasteca. 

Veronica Crocitti