Da Plaza Mayor a Casa de Monteyo: le migliori cose da fare e vedere a Merida, perla del Messico incastonata nella penisola dello Yucatan.


Incastonata nella penisola dello Yucatan, a circa 1 ora e mezza di strada da Chichén-Itzá (una delle sette meraviglie del mondo moderno), Merida è un’estrosa città del Messico, celebre per l’allegria, i colori, il folklore e gli stravaganti balli.

DOVE DORMIRE A MERIDA: Trova tutte le offerte per alloggi

Cosa vedere Merida - Messico

Fondata il 6 gennaio 1542 dallo spagnolo Francisco de Montejo de León, passato alla storia come El Mozo, Merida fu eretta sulle rovine di una vecchia località maya, Ichcaansihó (cinque colline).

COSA VEDERE A MERIDA (MESSICO)

Per visitare bene la città di Merida, perla del Messico, occorrono almeno due giorni. La vita del paesino messicano ruota attorno al centro storico ed a Plaza Mayor, la piazza principale. E’ qui che, specialmente il sabato, la domenica e le ore serali, vanno in scena l’allegria e il folklore di Merida.

Alle 21 in punto di ogni sera, in Plaza Mayor si anima degli spettacoli organizzati dall’ufficio del turismo per intrattenere cittadini e turisti, mentre, lungo il Paseo Montejo, si può assistere ai balli e alle danze della Noche Mexicana, esilarante rassegna di musica.

DOVE DORMIRE A MERIDA (MESSICO): Trova tutte le offerte per alloggi

Tra le principali cose da fare e vedere a Merida, oltre all’assistere agli spettacoli di Plaza Mayor, spicca la visita all’intero centro storico. La maggior parte degli edifici che compongono la città risale al periodo coloniale e presenta un’architettura del tutto particolare, con maestose facciate colorate e uno stile ricollegabile al barocco spagnolo.

LEGGI ANCHE: San Juan Chamula, tra stregoni e sacrifici animali

 

All’interno del centro storico di Merida (Messico) si trovano le vere attrazioni della città. Da non perdere la Catedral de San Ildefonso, la più antica del continente, Casa de Montejo, il Museo Fernando García Ponce-Macay, il Palacio Municipal, la Quinta Montes Molina e il Palacio Cantón Rosa.

Veronica Crocitti