Dall’Arktiku Museum al Villaggio di Babbo Natale, passando per la slitta con gli huski: ecco tutte le cose da vedere a Rovaniemi, in Lapponia.


Rovaniemi è la città della Lapponia celebre per essere la casa del vero Babbo Natale. Essa sorge nella Lapponia finlandese, a pochi chilometri di distanza dal Circolo Polare Artico, ed è la sede del Villaggio di Santa Claus.  Il piccolo centro abitato di Rovaniemi accoglie annualmente visitatori attratti dalla magia della neve, del ghiaccio e dell’omone con la barba bianca più famoso al mondo..

DOVE DORMIRE A ROVANIEMI: Trova tutte le offerte

Cosa vedere a Rovaniemi, la città di Babbo NataleIl principale turismo “esterno” è quello del periodo natalizio, quando la città viene presa d’assalto soprattutto da europei ed asiatici. Durante la stagione estiva, invece, sono gli stessi finlandesi che, approfittando delle lunghissime giornate di sole, si spostano nel nord della Lapponia per escursioni, passeggiate e rilassanti percorsi naturalistici.

COSA VEDERE A ROVANIEMI

Il centro di Rovaniemi è piuttosto piccolo e si estende in un raggio di un chilometro. Durante il periodo natalizio, esso è addobbato con luminarie, alberi e decorazioni a tema. Tra le cose davvero imperdibili in città, che potrete visitare con una passeggiata a piedi, vi sono l’Arktiku Museum, la Plike House, la libreria Kirjasto (progettata dal grande architetto Alvar Aalto), l’Art Modern Museum, la Chiesa di Rovaniemi (Rovaniemen kirkko), il Mc Donald’s più a nord del mondo!

LEGGI ANCHE: Dove vedere l’aurora boreale in Lapponia

NEI DINTORNI DI ROVANIEMI

Il Villaggio di Santa Claus, il Santa Park, il Ranua Zoo (lo zoo più a nord del mondo), l’Artic Snow Hotel, lo Sky Artic Hotel e i vari centri di allevamento renne e cani husky rappresentano invece le principali attrazioni che sorgono a pochi chilometri di distanza dal centro di Rovaniemi.

Sono tutte raggiungibili con mezzi pubblici, mezzi propri (se avete deciso di affittare una macchina per girare la Lapponia in libertà oppure con escursioni organizzate.

Veronica Crocitti