Uno scenario mozzafiato, lo scintillio dell’acqua in mezzo alla natura più selvaggia, l’incontro di due corsi celesti che si tuffano nel nulla per oltre 100 metri: ecco lo spettacolo delle cascate del Bolaven Plateau, nel remoto sud del Laos.

Si tratta sicuramente di una delle attrazioni più belle ed emozionanti del Paese. Per vivere al massimo questa avventura, vi consigliamo di fare il “Loop”, ossia il giro delle cascate. E’ possibile noleggiare un mezzo (una moto) a Pakse, punto di riferimento per la partenza e l’arrivo. Per chi preferisce un viaggio più “tranquillo”, invece, consigliamo i mini tour organizzati, per 5 o 6 persone, da alcune agenzie che si trovano direttamente nella città.

COSA FARE E COSA VEDERE. Il Loop è lungo circa 320 chilometri e, solitamente, si completa nell’arco di 3 o 4 giorni. Avrete tutto il tempo di visitare le cascate, assaporare le piantagioni di caffè, conoscere i vecchi villaggi e bearvi dei panorami incantati.

Il contatto umano con la gente del posto vi lascerà senza parole. Gli abitanti del luogo, infatti, hanno sempre pronto un sorriso per accogliere i turisti e gli stranieri, con la gentilezza che li contraddistingue da sempre. Non esitate a sedervi a tavola con loro o fumacchiare le canne di bambù, o ancora tuffarvi nelle piscine naturali godendo di splendidi tramonti. In riva ai fiumi, troverete tante comode amache pronte a “cullare” i vostri sogni.

VITTO E ALLOGGIO. Il Loop è pieno di stazioni di servizio, oltre a GuestHouse e piccole locande in cui potrete trovare alloggio. Lungo la strada, non mancheranno certo i ristorantini in cui poter gustare pietanze tipiche. Il consiglio è quello di portarsi sempre dietro un costume ed una felpa, poiché durante la sera le temperature si abbassano.

E adesso vi lasciamo sognare il Laos con la splendida PhotoGallery del nostro viaggiatore Simone Piccini.

Può interessarti anche “Asia. Viaggio fotografico nel Mekong: il Re d’Acqua dell’Indocina“, “Vietnam on the road: 10 foto che vi faranno sognare“, “Mongolia, una magica cavalcata attraverso la Valle dell’Orkhon“, “India. Sulla via di Jaisalmer, la città d’oro“.