Come arrivare, come visitarle, orari di ingresso e prezzi: tutte le informazioni sulle Gole dell’Alcantara, canyon naturale della Sicilia.


Le Gole dell’Alcantara si stagliano nel cuore della provincia di Messina, al confine tra i Comuni di Castiglione di Sicilia e Motta Camastra, e rappresentano una delle attrazioni più visitate di tutta l’isola. Chiamate anche Gole di Larderia, esse si presentano come un lungo e stretto canyon caratterizzato da alte pareti di roccia formate dalle colate di lava degli ultimi 8000 anni del vulcano Etna.

Gole dell'Alcantara: informazioni, prezzi, orari, itinerari

Scavando per secoli tra la lava raffreddata, il fiume Alcantara ha formato delle pittoresche gole che si estendono per una lunghezza di circa 6 chilometri. Se siete degli amanti di avventure, escursioni, trekking e sport, gli itinerari che si snodano all’interno del Parco fluviale dell’Alcantara fanno esattamente al caso vostro.

DOVE DORMIRE ALLE GOLE DELL’ALCANTARA: Trova le offerte

Al di là della più grande e famosa gola dell’Alcantara – di cui vi parlo meglio nel prossimo paragrafo – all’interno del Parco Fluviale dell’Alcantara è possibile visitare le piccole Gole dell’Alcantara, le gurne dell’Alcantara, il sentiero Castello di Calatabiano, il sentiero Le Rive dell’Alcantara, il sentiero Vulcanetto di Mojo e il Sentiero Montagna Grande.

LE GOLE DELL’ALCANTARA: COME VISITARLE E COME FARE IL BAGNO

La gola dell’Alcantara più grande e conosciuta si trova a Fondaco Motta, ha una lunghezza di circa 400 metri ed è scavata tra pareti strette e alte che arrivano fino ai 50 metri di altezza. All’interno di questa gola è possibile fare il bagno e percorrere, tra le acque ghiacciate del fiume, un piccolo tratto di canyon (fin quando le acque non diventano troppo profonde e la balneazione è altamente sconsigliata).

DOVE DORMIRE ALLE GOLE DELL’ALCANTARA: Trova le offerte

Camminando lungo il canyon è possibile osservare le caratteristiche conformazioni create dallo scavare del fiume tra le pareti di lava. Tra queste spiccano quelle a catasta di legno (orizzontali), ad arpa (arcuate), a rosetta o a canna d’organo (verticali).

PREZZI, ORARI E POSTEGGIO

L’ingresso al tratto di Gole dell’Alcantara dove è possibile fare il bagno si trova lungo la Strada Statale 185, è fornito di un ampio parcheggio per vetture e pullman ed è a pagamento. Il biglietto standard costa 13 euro in alta stagione (10 euro in media stagione e 7 euro in bassa stagione).

blank

E’ possibile acquistare extra pacchetti o escursioni come ad esempio body rafting, bike tour, walking tour, canyoning e trekking fluviale. Considerando che l’acqua del fiume Alcantara è notevolmente fredda, è possibile anche noleggiare i pantaloni e gli stivali termici.

DOVE DORMIRE ALLE GOLE DELL’ALCANTARA: Trova le offerte

I sentieri che si trovano all’interno del parco botanico e geologico di questo tratto della Valle dell’Alcantara sono cinque: sentiero delle Gole Alcantara, sentiero della Saja, sentiero della Spiaggetta, sentiero Eleonora e sentiero del Giardino Mediterraneo.

COME ARRIVARE ALLE GOLE DELL’ALCANTARA

Le Gole dell’Alcantara si trovano a Motta Camastra, in provincia di Messina. Il modo più pratico e veloce per raggiungere la località è la macchina:

  • Da Catania: circa 1 ora tramite A18 (uscita Giardini Naxos);
  • Da Messina: circa 1 ora tramite autostrada A18 (uscita Giardini Naxos);
  • Da Palermo: circa 3 ore tramite autostrada A19 Ct/Pa e A18 (uscita Giardini Naxos).

L’aeroporto più vicino è quello di Catania Fontanarossa.

COSA VEDERE NELLE VICINANZE

All’interno del Parco Fluviale dell’Alcantara si snodano numerosi sentieri di trekking che permettono di visitare alcune attrazioni tipiche di questo lungo canyon come le gurne dell’Alcantara (laghetti), le marmitte dell’Alcantara (particolari pareti laviche), il vulcanetto di Mojo (un cono vulcanico alto 700 mt, ormai spento), il Castello di Calatabiano e le piccole gole.

blank

Non lontano dalla Valle dell’Alcantara si trovano la meravigliosa Taormina, Isola Bella, il piccolo borgo di Castelmola, Castiglione di Sicilia col Castello di Lauria e Savoca, pittoresca location del film Il Padrino.

Veronica Crocitti