Il Cammino di Santiago di Compostela è il lungo “viaggio” che, fin dal Medioevo, i pellegrini intraprendono attraverso la Francia e la Spagna per giungere al Santuario. Esistono diversi percorsi da poter seguire per arrivare alla meta, ma quelli più “battuti” sono questi tre:

  • Il Cammino Francese di circa 800 km (che parte da Saint-Jean-Pied-de-Port

Cammino Frances

  • Il Cammino del Nord di circa 900 km (che parte da Irun)

Cammino Nord

  • Il Cammino Primitivo di circa 315 km (che parte da Oviedo)

Cammino Primitivo

Qualunque sia la motivazione che vi spinge ad iniziare il Cammino di Santiago di Compostela, non vi resta che decidere quale fare e da dove iniziare (non siete obbligati a partire dall’inizio!).

Scopri tutti gli alloggi lungo il Cammino

Personalmente, per il poco tempo a disposizione ed i costanti impegni lavorativi, ho scelto di fare il Percorso Francese partendo da Sarria (113 Km da Santiago) stabilendo le tappe da percorrere nei giorni a disposizione.

Ovviamente ognuno è libero di scegliere o di non scegliere le tappe giornaliere. Tutto dipende da voi, dal fattore fisico, dal tempo a disposizione… Premetto che non serve una particolare prestanza fisica per intraprendere il cammino, ma di certo uno stile di vita sedentario non vi sarà d’aiuto…!

Cammino di Santiago: diario di una pellegrina solitaria

COSA SERVE. Fondamentalmente, oltre ad un buona dose di caparbietà e tanta voglia di camminare, serve soltanto uno zaino ben equipaggiato con lo stretto indispensabile ed una credenziale, ovvero un documento ufficiale che attesta il vostro intento di intraprendere il pellegrinaggio. Questo vi permetterà di certificare tutte le vostre fermate e, soprattutto, vi darà diritto ad essere ospitati nelle strutture ricettive.

Prepararsi al Cammino: zaino, abbigliamento e scarpe

CredenzialeVicaria1

PUNTO DI PARTENZA. Per raggiungere Sarria da Madrid, potete prenotare un treno sul sito delle ferrovie Spagnole www.renfe.com (anche se oltre allo spagnolo non offre altre lingue). I mezzi più usati sono comunque i treni o i bus che offrono collegamenti frequenti fra le città spagnole/francesi (Madrid, Barcellona, Leon, Santiago, Lourdes). C’è anche chi sceglie un volo per Santiago di Compostela e, una volta lì, utilizza i mezzi pubblici per arrivare al luogo di partenza. Insomma, tutto sta nello scegliere da dove iniziare a camminare.

Guarda tutte le foto: sulle orme dei Pellegrini

PERIODO CONSIGLIATO. Da Aprile ad Ottobre.

DOVE DORMIRE. Che vi siate prefissati delle tappe da raggiungere o no, qualunque sia il centro abitato in cui vi fermerete, troverete sempre una struttura ricettiva pronta ad accogliervi! Principalmente potrete far capo agli ostelli di Albergues (il prezzo è irrisorio, si va dai 5€ ai 10€ a notte) ma ci sono davvero tantissime strutture. Ad esempio in questa utile guida (Il Cammino di Santiago. Guida e taccuino per il viaggio) troverete un elenco diviso per località, fascia di prezzo e servizi offerti.

10 cose da fare e vedere a Santiago de Compostela

Quasi tutte le strutture dispongono di una zona lavanderia (spesso a pagamento), quindi personalmente vi consiglio di lavare con il famoso sapone di Marsiglia gli indumenti utilizzati tutte le sere, in modo da averli pronti per il giorno seguente, o magari da lasciare la roba ad asciugare appesa allo zaino, lungo il cammino.

COSA MANGIARE. Io ho scelto la formula “poco ma spesso” ovvero una robusta colazione (solitamente a base di tortilla o di uova) e poi vari spuntini nei punti ristoro (abbastanza economici) che si incontrano lungo il cammino. Per le cene tenete conto che quasi tutte le località hanno un menù del Pellegrino che con soli 10€ vi garantisce un pasto completo (primo, secondo, dolce, contorno e acqua). Beh…. e adesso che avete organizzato tutto, andiamo a vedere “come preparare lo zaino“!

Gianluca Palermo