Capitale della Grecia, centro dell’antico mondo greco, culla della cultura ellenica, Atene è una città che racchiude in sé diverse anime. Da quella classica a quella religiosa, da quella culturale a quella moderna, da quella “mistica” a quella mondana ed anche turistica. Tutto, in questa metropoli, convive in perfetta sintonia e si “spartisce” aree e zone, mescolando le une alle altre in un gioco che, da decenni, attira visitatori da tutto il mondo.

Cosa fare nei dintorni: mini crociera nel Golfo Saronico

COSA VEDERE. Se avete a disposizione soltanto un weekend per visitare la città, avrete bisogno di organizzare il vostro tour al meglio. La prima tappa, fondamentale (neanche a scriverlo!), è la maestosa Acropoli. La rocca, alta più di 150 m sul livello del mare, domina su Atene in tutto il suo splendore. Esistono due entrate per accedere, una di queste si trova accanto alla stazione Acropoli mentre l’altra si trova vicino alla zona di Monastiraki/Plaka. Il consiglio è quello di utilizzare l’ingresso accanto alla stazione Acropoli per due motivi.

Scopri tutte le offerte per alloggi nei dintorni

Innanzitutto perché, proprio lì, sorge il Museo dell’Acropoli (altra tappa obbligatoria) e quindi, prima di immergervi tra i resti ellenici, potrete “gustare” quelli originali custoditi nel museo. All’ultimo piano troverete anche uno dei bar più famosi di Atene, il cui panorama vi lascerà senza fiato. Il secondo motivo per cui vi consigliamo l’entrata vicino alla Stazione Acropoli è di carattere organizzativo: da lì potrete subito arrivare in cima, visitare il Pantheon, il Teatro di Dionisio, gli altri monumenti, e poi continuare verso l’ingresso opposto, quello che dà su Monastiraki e Plaka. 

Si tratta dei due quartieri più vivi e attivi di Atene, dove troverete negozi, bar, ristoranti, vita e movimento. Vi consigliamo vivamente  di tornare in queste zone anche in orari serali, quando la “movida” ateniese si scatena!  Da Monastiraki, proseguendo verso Thission Station, passerete di fronte al Tempio di Efeso e l’Antica Agorà.

SECONDO GIORNO. Dopo aver visitato, il primo giorno, l’Acropoli, potrete continuare il vostro tour concentrandovi sulla parte più moderna e politica della città. Scendete alla fermata Omonia Station e proseguite a piedi lungo lo stradone Panepistimiou. Camminando potrete veder scorrere sulla sinistra la Libreria Nazionale, l’Università e l’Accademia di Atene, fino ad arrivare a Piazza Syntagma, dove si erge il parlamento.

Se riuscite, cercate di far coincidere il vostro arrivo con l’orario in cui si “esibisce” il cambio della guardia (ogni ora, ad esempio 8.00-9.00-10.00). Lo “spettacolo” dura una decina di minuti ma è davvero geniale! (Vi permettono anche di fare la foto con le guardie). Da Piazza Syntagma, potrete poi continuare verso Amalias, attraversare i Giardini Nazionali lungo Vasilissis Olgas e giungere infine allo Stadio di Atene.

TERZO GIORNOIl tempo stringe e siamo già arrivati al terzo giorno. Per la mattina vi consigliamo una visita al Museo Nazionale Archeologico. Per il pomeriggio, invece, un giro nel quartiere di Kolonaki, rinomato per la sua “lussuosità”, e una salita al Lycabettus Hill.

Non sottovalutate questa collina che si innalza nel cuore della città. Potrete arrivare in cima attraverso diversi sentieri (a piedi se amate il trekking) oppure con dei mezzi. La Chiesetta costruita sulla vetta è un piccolo “fiore all’occhiello” ma quello che noterete sarà il panorama. Potrete davvero dire di aver avuto Atene ai vostri piedi.

Veronica Crocitti