Amsterdam è un piccolo capolavoro targato “Olanda”, meta imperdibile per giovani e meno giovani, per chi cerca divertimento, per chi cerca cultura e, perché no, per chi ama i musei e le opere d’arte (clicca qui per scoprire tutti i musei della città). Con i suoi colori, i piccoli angoli di paradiso, tavolini e sedioline con vista sui canali, gli immancabili scenari di biciclette e case non allineate (sì! perché qui le case sono galleggianti), Amsterdam si è conquistata nel tempo la fama di “una delle città da visitare prima di morire”.

Ecco perché voglio darvi qualche dritta per riuscire a vederla tutta (almeno il centro ed i luoghi principali) in uno-due giorni. Il nostro tour inizia dalla Central Station, la stazione centrale, da cui ogni giorno passano più di 1500 treni! Potreste prendere il trenino, ma non ve lo consiglio. Non c’è miglior modo di conoscere una città se non passeggiando per i suoi vicoli.

Il primo quartiere che potrete raggiungere è il famosissimo “quartiere a luci rosse”. Dalla stazione basta andare verso Oudezijds Voorburgwal, passando anche dalla Old Church, e poi attraversare il canale per trovarvi di fronte all’Erotic Museum. In fila, continuando per la Oudezijds Achterburgwal vedrete il Red Light Secrets e la Casa Rossa. Ovviamente vi capiterà di passare davanti a vetrine con esposte belle ragazze danzanti!

Superata la Casa Rossa, potete girare verso ovest dove vedrete sorgere The Weight House (proprio accanto c’è la fermata Nieunwmarkt). Godetevi la passeggiata tra canali e viottoli, non esitate a comprare qualcosa nei mercatini allestiti all’esterno, souvenirs o quant’altro. Proseguendo e costeggiando la linea ferroviaria, arriverete nella zona della Waterlooplein. Lì troverete diverse cose da visitare, tra cui la Rembrandt House, il Jewish Historical Museum, l’Opera House e, poco oltre, l’Hermitage Amsterdam.

Questi monumenti si affacciano direttamente nel più grande canale di Amsterdam, il Binnenamstel. I paesaggi sono un colpo d’occhio! Attraversandolo giungerete in una delle piazze più attive della città, Rembrandt Plein. Ci sono tanti bar e localini in cui è possibile pranzare, cenare e, ricordate, che questa zona è “viva” anche nelle ore serali per aperitivi e dopocena.

Dalla Rembrandt Plein al Mercato dei Fiori (Flower Market) è un passo. Perdetevi tra colori e profumi di tulipani, piante e formaggi (sì, perché qui esistono diversi negozi che vi permetteranno di degustare i tipici formaggi olandesi). Potete anche comprare qualche bulbo di tulipano da riportare a casa (fate attenzione perché non sempre attecchiscono con il nostro clima) e poi proseguire la vostra passeggiata verso il Dam. Potete scegliere quale canale costeggiare, oppure zigzagare alla ricerca dello “scorcio di mondo” preferito. Sarà delizioso ammirare tutte barche ormeggiate, tra cui anche diversi musei o semplici B&B che offrono la possibilità di provare l’ebrezza di una notte “galleggiante”. Una volta giunti nella piazza Dam vedrete affacciarsi la New Church, il Royal Palace, Madame Tussauds e, più a nord, il Beurs Van Berlage.

Questo primo tour della giornata finisce laddove era iniziato, dinnanzi la Central Station.

N.B. Dopo un certo orario, non tutti i luoghi della città sono pieni di vita. Ecco perché vi consiglio, per le ore serali, Rembrandt Plein e Leidseplein dove c’è anche l’Hard Rock Café. Il secondo giorno può essere dedicato alla visita dei musei e dei bellissimi parchi. Ma di questo ve ne parlo qui.

Veronica Crocitti

#InViaggioConVeronica