Salina è un’isola estremamente vivace, viva, colorata. Nonostante non sia la vera “Capitale”, essa è forse il centro più attivo, dal punto di vista artistico e culturale, di tutto l’arcipelago delle Eolie. Con i suoi colori pastello, il suo verde smagliante, l’odore di freschezza, le cime altezzose dei suoi crateri, Salina è quell’isola magica che nel corso degli anni si è guadagnata una fama mondiale.

DOVE DORMIRE A SALINA: Trova tutte le offerte

Isola di Salina - Eolie, Sicilia

Pollara

Dalla spiaggetta di Pollara al porticciolo di Rinella, dal laghetto di Lingua al maestoso Faro di Semaforo, dall’odore intenso di Malvasia al sapore di una cucina sana e genuina, l’isola di Salina accoglie ogni anno tantissimi turisti affascinati da ogni  irripetibile scorcio.

LEGGI ANCHE: Le spiagge più belle della Sicilia

Isola di Salina - Eolie, Sicilia

Laghetto di Lingua – Salina

Chi non ha mai sognato di vagare tra le strade dell’isola di Salina in sella ad una bicicletta, ripercorrendo le orme di un Troisi innamorato? Chi non ha mai sognato di lasciarsi cullare dalle poesie di Neruda, dall’amore di una “vera femmina”, dalle lettere di un Postino indimenticato e indimenticabile?

DOVE DORMIRE A SALINA: Trova tutte le offerte

Isola di Salina

Tributo al Postino – Pollara (Salina)

L’isola di Salina è questo. E’ un sogno che si nasconde dietro la grande Lipari, ancor più in là del Gran Cratere di Vulcano. E’ il punto di snodo tra chi cerca una più riparata Panarea, con alle spalle la terra dell’Iddu di Stromboli, e chi invece vuole abbandonare ogni realtà civilizzata per abbracciare le estreme Filicudi e Alicudi.

L’isola di Salina è il perfetto compromesso tra chi cerca panorami unici, nella tranquillità di una casetta bianca eoliana, e chi non disdegna serate estive gioiose, cartelloni teatrali, spettacoli musicali in piazza. E’ il perfetto confine tra chi ama la natura, i sentieri, i percorsi di trekking più nascosti ed arditi, e chi invece ama il mare, le tipiche spiaggette a sassoni, lo snorkeling tra stelle marine e pesci dai mille colori.

Veronica Crocitti