Il cambio della guardia di Atene è un rituale che si svolge ogni ora in piazza Syntagma, dinanzi al parlamento greco: video, dettagli e curiosità.


Una delle esperienze più particolari da vivere ad Atene, la meravigliosa capitale della Grecia, è quella del cambio della guardia in Piazza Syntagma. Si tratta di un pittoresco “rituale” che avviene allo scoccare di ogni ora (ad esempio 8:00, 9:00, 10:00) nella principale piazza di Atene, dinanzi al Parlamento greco.

DOVE DORMIRE AD ATENE: Trova tutte le offerte

Cambio della Guardia di Atene in piazza Syntagma

La scena del cambio della guardia di Atene, di per sé molto particolare, attira ogni giorno centinaia di visitatori curiosi di assistere ad una vera e propria tipicità ateniese. Se state organizzando un itinerario attraverso le “cose assolutamente da vedere ad Atene“, tenete conto che il cambio della guardia in piazza Syntagma deve necessariamente rientrare tra le vostre tappe!

LEGGI ANCHE: Le Meteore della Grecia, i monasteri sospesi nell’aria

Il cambio della guardia di Atene si svolge nell’arco di una decina di minuti per cui, se volete assistere allo “spettacolo”, dovete essere molto puntuali. Tre soldati, in perfetta uniforme, si incamminano verso il piazzale e si fermano dinanzi al Milite Ignoto rendendogli omaggio. Il loro marciare, coordinando braccia, gambe e ginocchia, è molto attrattivo. Una volta reso omaggio, due dei nuovi arrivati prendono il posto della vecchia guardia mentre i compagni si allontanano dalla piazza.

DOVE DORMIRE AD ATENE: Trova tutte le offerte

Il rito del cambio guardia si ripete ogni 60 minuti esatti mentre, ogni 30 minuti, avviene solo uno spostamento delle due guardie che, lasciando momentaneamente le proprie postazioni, si muovono verso il centro della piazza e poi fanno rientro alla loro base. Se avete la fortuna di visitare Atene nel giorno di domenica ricordate che, alle 11:00 in punto, va in scena una grande cerimonia a cui partecipano quasi cento soldati accompagnati dalle musiche della banda cittadina.

Curiosità! Alla fine del cambio della guardia è possibile scattare una foto con i soldati.

Veronica Crocitti