Talvolta si sente l’esigenza di viaggiare lontano per scoprire scorci di paradiso ammalianti, lande di terra ricche di storia, cultura, colori e sapori esoterici. Eppure, nella maggior parte dei casi, noi viaggiatori tendiamo a dimenticare che la nostra Italia, la bella penisola che si staglia nel cuore del Mediterraneo, è capace di regalare borghi unici e incantevoli. Bergamo Città Alta (clicca qui per vedere la Gallery) appartiene, senza se e senza ma, ad uno di questi capolavori. Situata nel cuore della Lombardia, a circa un’ora di strada dalla big Milano, la città di Bergamo è conosciuta ai più per il suo celebre aeroporto Orio Al Serio e per il ancor più celebre Centro Commerciale (punto di riferimento degli outlet di ogni tempo). Eppure, a pochi passi da questi due cult, esiste un borgo che merita molto più di un distratto e veloce passaggio.

COSA VEDERE. Bergamo Città Alta si staglia al di sopra della Bergamo Bassa ed è facilmente raggiungibile o a piedi, lungo la strada che costeggia le mura medioevali divenute Patrimonio dell’Umanità, oppure con gli autobus (partono da aeroporto e stazione ferroviaria) e la funicolare. Soprannominata come la “città dei Mille”, Bergamo ha alle spalle una grande storia, soprattutto in relazione al periodo della Risorgimentale (furono tantissimi i bergamaschi che presero parte alla spedizione dei Mille di Giuseppe Garibaldi) e della dominazione veneziana (sotto la Repubblica del Leone). La Città Alta, circondata da bastioni che furono eretti durante la dominazione veneziana, ha il pregio di esser un centro storico rimasto completamente intatto e circondato interamente da mura.

blank

Tutto ruota attorno a Piazza Vecchia, dove si ergono maestosi il Palazzo della Ragione, la Torre Civica (il Campanone che ancora oggi, alle 22, rintocca con i 100 colpi che un tempo annunciavano la chiusura notturna dei portoni) e la fontana Contarini. Su Piazza Vecchia si affaccia anche il Palazzo Nuovo con al suo interno la Biblioteca civica di Angelo Mai. Alle spalle del Palazzo della Ragione si trovano invece altri grandi gioielli: la Basilica di Santa Maria Maggiore, con accanto il Battistero eretto da Giovanni da Campione; il Duomo di Sant’Alessandro; la Cappella Colleoni. Il passaggio da Piazza Vecchia alla zona della Basilica avviene attraverso la loggia del Palazzo della Ragione: fate attenzione al pavimento poiché a terra si trova la meridiana antica della città!

Camminando lungo la via del Gombito, che poi diviene via Bartolomeo Colleoni fino alla celebre Torre dell’Orologio, passerete dinnanzi a botteghe tipiche, localini e veri “pezzi” di storia. E’ lungo questa pittoresca arteria, che inizia in Piazza del Mercato delle Scarpe (dove si trova la funicolare Città Bassa) e termina nella Piazza della Cittadella, che si trova la Torre del Gombito accanto cui troverete anche l’Antico Lavatoio. Da qui si diramano i vari viottoli che conducono agli altri luoghi di interesse. Alla fine di via della Rocca (subito a destra non appena scendete dalla funicolare Città Bassa) troverete la Rocca di Bergamo, con all’interno il Museo Storico ed ai piedi il Parco delle Rimembranze. Si tratta di un luogo simbolo della città, di forte valenza storica, in quanto eretto in onore dei Caduti per la Patria. Lungo la via Arena, invece, (subito a sinistra non appena scesi dalla funicolare Città Bassa) si trova il Museo Donizettiano che contiene i cimeli del compositore italiano bergamasco Gaetano Donizetti. Alla fine di via Solata (la via successiva a quella della Rocca), troverete l’ex convento di San Francesco che custodisce il Museo Storico di Bergamo e la Biblioteca.

Il Museo Civico ed il Museo Archeologico si aprono invece nella Piazza della Cittadella, al termine della via Colleoni, laddove si trovano anche Palazzo Roncalli e la Torre dell’Orologio. Poco oltre si staglia infine Porta Sant’Alessandro, accanto cui sorge la terza e ultima tappa della funicolare (San Virgilio). Tra gli altri posti che, a mio giudizio, meritano assolutamente di esser visti rientrano infine il Parco di Sant’Agostino e, poco oltre, l’Accademia Carrara, un museo che contiene 1800 dipinti tra cui quelli di artisti del calibro di Botticelli, Raffaello, Bellini e Pisanello.

COME ARRIVARE. Bergamo si trova in Lombardia, a circa un’ora di strada da Milano, ed è facilmente raggiungibile:

  • in auto (uscita Torino-Venezia dall’autostrada A4)
  • in treno (sono frequenti i collegamenti con Milano e Brescia, il servizio è gestito da Trenitalia)
  • in aereo (l’aeroporto Orio Al Serio dista 5 km dal centro città).

blank

Una volta giunti a Bergamo potrete raggiungere la Città Alta in diversi modi. Se siete in auto, potete lasciare il mezzo nel grosso posteggio che sorge vicino alla funicolare “Città Alta” e poi usufruire del servizio della funicolare (ci sono tre fermate: Città Alta/Città Bassa/San Virgilio). Se giungete in treno, avete due soluzioni: usufruire dell’autobus che conduce direttamente a Città Alta oppure percorrere a piedi il Viale Vittorio Emanuele (lo stradone che passa nel centro di Bergamo – circa 15/20 min a piedi) e poi prendere la funicolare Città Alta. Potete anche decidere di proseguire a piedi e costeggiare le mura veneziane (via delle Mura) godendo del magnifico panorama sull’intera città. Se atterrate in aereo ad Orio Al Serio, potrete invece prendere l’autobus (linea 1 e 1°) che include, tra le fermate, sia la Stazione che Città Alta.

blank

CURIOSITA’. Le mura veneziane di Bergamo sono divenute Patrimonio dell’Umanità. Esse sono lunghe 5,3 chilometri e hanno un’altezza minima di 10 metri ed una massima di oltre 21 metri. Percorrendole, ritroverete 5 porte maestose (San Lorenzo, Sant’Agostino, San Giacomo, Sant’Alessandro e Porta del Soccorso), 2 polveriere, 14 baluardi, 2 cannoniere (aperte al pubblico) e 2 piattaforme! Le mura vantano anche una grande biodiversità in quanto ospitano specie mediterranee (ad esempio i capperi), alpine (la cannella argentea), boschive (le primule) e varie felci.

Veronica Crocitti

#InViaggioConVeronica