Un giorno mio cognato mi disse “mi piacerebbe andare in Giappone la prossima primavera, dicono che nel periodo della fioritura dei ciliegi sia bellissimo”. Bastarono quelle poche parole ad incuriosirmi, così mi documentai: il costo del viaggio, le mete principali, come arrivare, i documenti… Avevo trovato dei compagni improvvisati di viaggio, ma ben presto ci ripensarono e così, ahimè, rimasi sola. Non mi scoraggiai. Una sera, sconsolata al pc, mi apparve un banner Alitalia “Genova-Tokyo A/R 478 euro”. Abitando a La Spezia e considerando la spesa minima…cliccai. Acquistarlo fu un attimo! Così, per incanto, mi ritrovai ad organizzare un viaggio in Giappone di 14 gg ….da sola!

Scopri un magico itinerario on the road in Giappone!

Tempio di Yasaka

COME ORGANIZZARE DA SOLI UN VIAGGIO IN GIAPPONE

Avevo esperienza di viaggi “in solitaria” nel nord Europa, tra zaini, ostelli e trasporti pubblici. Ma mai nulla di così lontano! Conoscendo poco l’inglese (non che in Giappone servi molto), ho allora deciso di pianificare tutto nei minimi dettagli, per ridurre al minimo le criticità….sono un’ingegnere inside! Per prima cosa, mi sono documentata tramite forum online, leggendo le esperienze di altri viaggiatori solitari e cercando di capire quali erano le mete principali e come raggiungerle.

Scopri le 15 cose assolutamente da vedere a Tokyo!

Kinkaku-ji

Qui cercherò di darvi tutte le dritte e tutti i consigli che a me sono risultati utilissimi, oltre a lasciarvi un programmino di viaggio niente male!

Trova tutte le offerte per alloggi a Tokyo

INFORMAZIONI PRATICHE

Il fuso orario è +7 (7 ore avanti rispetto all’Italia), il  cambio denaro è 1 euro = 120 Yen (change 100.000 Yen = 835,61 euro). Ricordate che in Giappone sopportano poco le carte di credito. Dovrete sicuramente fare un’assicurazione sanitaria viaggio, almeno copertura base. Io ho stipulato quella con Allianz Global, per un totale di 73,95 euro (è fondamentale perché la sanità in Giappone è molto cara). La corrente elettrica è erogata a 100, 110 volt, un voltaggio che non si riscontra in nessun’altra parte del mondo. Quindi ok per il cellulare ma non per il phone! L’adattatore per la presa è uguale a quello americano.

Quartiere Gion

Se decidete di stare un periodo lungo, Mobile Visitor Sim (per 14 giorni) offre internet illimitato sul cellulare o ipad (no chiamate) al costo di circa 30 euro. Si ordina in Italia e si ritira alla Posta di Narita Aeroporto. Una volta inserita nell’Ipad, avrete il collegamento h24, utilissimo per google map e traduttore.

Incontrare una vera Geisha a Kyoto? Ecco dove!

ITINERARIO DI VIAGGIO

Per i primi tre giorni ho preferito ordinare Keisey Skyliner + 72h e Tokyo Metro (3500 yen = 27,64 euro), per poi attivare il Japain in partenza da Tokyo. (Anche questo pacchetto si ordina in Italia e si ritira all’aeroporto di Narita). Una volta giunta a Tokyo, vi ho pernottato 5 notti. C’è davvero tanto da vedere e la metro collega tutto benissimo. Attenzione però! Essendo una delle metropoli più grandi al mondo, vi consiglio di scaricare l’app per pianificare i percorsi. Dopo un paio di giorni viaggerete senza problemi…

Shibuya Crossing

Dedicate almeno un giorno a Nikko! Per arrivare prendete un treno da Tokyo “linea Tobu Railway” (diretto). Non è compreso nel Japain pass e costa 2670 yen. Una volta “esaurita” Tokyo, mi sono spostata a Kyoto col Japain Rail Pass. Lì ho pernottato in un ostello. Il mio itinerario è poi proseguito verso Nara (in treno, 45 minuti, sempre col JR Express).

Scopri tutto su Nara, la città dei cervi!

Antica città, ex capitale del Giappone, Nara è un gioiellino patrimonio dell’Unesco. Potrete visitare vari templi, santuari (come il Todai-Ji con dentro il Grande Budda in Bronzo), il Kasuga Taisha, la Pagoda del Kofukuji ed il Parco di Nara con cervi sacri liberi.

Parco di Nara

Al rientro in treno, vi consiglio una sosta al Santuario di Fushimi Inari (lungo biscione di Torii, coi portali rossi da percorrere a piedi fino al Santuario).

Scopri le 15 cose da fare e vedere a Kyoto

Santuario Fushimi Inari Taisha

Le ultime giornate le ho invece dedicate ad Osaka, Hiroshima e Isola di Miyajima (treno e traghetto). Poi da lì, col treno jr (Sagano Line) ho “fatto un salto” alla foresta di Bambù, per poi rientrare definitivamente a Narita.

PUNTUALITA’, PRECISIONE, PULIZIA

I giapponesi sono un popolo molto gentile, organizzato, preciso e pulito. Parlano poco l’inglese ma con la gestualità si va ovunque. I bagni pubblici sono ovunque e pulitissimi. Esistono aree esterne per fumare, ma è vietato fumare per strada. P.S. Le code giapponesi sono da fotografare…

Scopri tutto su Hiroshima, la città costruita sulle ceneri della guerra

SPESA

Dicono che il Giappone sia caro, forse. Personalmente ho speso meno di 1700 euro in 14 giorni (all inclusive…da casa a casa). Nell’organizzare il vostro viaggio in Giappone, dunque, tenete conto anche di questo.

Memoriale della Pace di Hiroshima

UN MIX DI ECCITAZIONE E PAURA

E’ normale provare timore, fa parte del gusto di partire da soli. Ma fatelo, almeno una volta nella vita! Qualunque sia la meta, la durata, la finalità… Provateci! Rientrerete a casa diversi, più consapevoli, orgogliosi ed invincibili!

Buon viaggio sognatori!

Sabrina Greco