Dall’Argentario all’Isola del Giglio, passando per Elba e Pianosa: itinerario in barca tra le isole dell’Arcipelago della Toscana.


Le sette isole maggiori che compongono l’Arcipelago Toscano rappresentano una meta perfetta per i viaggiatori in cerca di mare, barca, relax e natura. Incasellate tra la riviera toscana e la Corsica, all’esatto incrocio tra il Mar Ligure ed il Mar Tirreno, le isole grandi di Gorgona, Capraia, Elba, Pianosa, Montecristo, Giglio e Giannutri sono una destinazione italiana molto ambita sia nel periodo estivo che in quello primaverile.

Coste rocciose a picco, falesie e macchia mediterranea caratterizzano gli oltre 16mila ettari di terra emersa del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, rendendo questi luoghi oltremodo affascinanti. Se siete alla ricerca di viaggio in Italia all’insegna di avventura, scoperta e buon cibo, l’itinerario in barca tra le isole dell’Arcipelago Toscano che troverete in questo articolo farà esattamente al caso vostro.

ITINERARIO E SAILING TRA LE ISOLE DELL’ARCIPELAGO DELLA TOSCANA

Il miglior periodo per realizzare un itinerario in barca tra le isole dell’Arcipelago della Toscana è quello che va da giugno a settembre. Le temperature miti, infatti, permettono di vivere l’avventura di un sailing anche nei mesi “meno estivi” quali giugno e settembre (anche meno caotici rispetto a luglio e agosto).

blank

A seconda del tempo a disposizione, potrete decidere se visitare tutte e sette le isole maggiori dell’Arcipelago Toscano oppure concentrarvi su alcuni gruppi. Quello che vi propongo in questo articolo è un itinerario che ha inizio nell’Argentario e prosegue attraverso le isole del Giglio e di Giannutri, con eventuale estensione a Pianosa e Elba.

ARGENTARIO

Con Porto Ercole e Porto Santo Stefano, la penisola del Monte Argentario può essere considerata l’inizio perfetto per un itinerario in barca tra le isole a sud dell’Arcipelago Toscano. Da qui, infatti, si ha la possibilità di raggiungere facilmente l’Isola del Giglio (dista appena 24 km) e proseguire poi per quella dei Giannutri e, se si ha abbastanza tempo, anche verso quelle di Pianosa e Elba.

Il consiglio è quello di affidarsi ad un noleggio barche dell’Argentario, con o senza skipper (a seconda delle vostre esigenze), ed iniziare l’avventura a gonfie vele. 

ISOLA DEL GIGLIO

Con i suoi oltre 21 kmq di estensione, l’Isola del Giglio si presenta come una terra quasi completamente piatta. Basti pensare infatti che Poggio della Pagana, la cima più alta, raggiunge appena i 500 metri di altezza.

Itinerario e sailing in barca tra isole arcipelago Toscana

La costa è per lo più rocciosa e inaccessibile, a parte alcune spiagge come quella del Campese, di Arenella, di Cannelle e Caldane, vivamente consigliate se volete godervi un po’ di mare.

DOVE DORMIRE SULL’ISOLA DEL GIGLIO: Trova tutte le offerte

Tra le principali cose da vedere sull’Isola del Giglio spiccano Giglio Porto, con l’antica torre di avvistamento, le botteghe e i localini dove gustare del buon cibo, Giglio Castello, con la struttura tipica di un piccolo borgo medievale, la spiaggia di Campese, il sito megalitico di Le Porte, il faro di Capel Rosso, il vecchio faro (entrambi visibili dal mare) ed i Palmenti, antichi capanni in paglia che servivano per pigiare l’uva.

ISOLA DI GIANNUTRI

L’area naturale protetta dell’Isola di Giannutri si trova a circa 8 miglia di distanza dall’Isola del Giglio e rappresenta la terra emersa più a sud dell’Arcipelago Toscano. Se siete amanti di trekking, escursioni e immersioni, questa isola è davvero per voi. Essendo area protetta è però necessario seguire le norme del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e, per visite, contattare la guida turistica e ambientale ufficiale.

DOVE DORMIRE SULL’ISOLA DI ELBA: Trova tutte le offerte per alloggi

Tra le migliori cose da fare e vedere sull’Isola dei Giannutri troviamo il sentiero di trekking che si estende tra Cala Maestra e Cala Spalmatoio, la Villa Romana, il Faro situato a Punta di Capel Rosso, e l’esperienza dello snorkeling tra i fondali nitidi e cristallini.

ELBA E PIANOSA

A seconda del vostro tempo a disposizione, potrete decidere se proseguire il vostro itinerario tra le isole dell’Arcipelago della Toscana verso la grande isola d’Elba, con escursione nella piccola Pianosa, o rientrare nell’Argentario.

ELBA

Terza isola più grande d’Italia, celebre luogo in cui Napoleone Bonaparte scontò il suo esilio, l’isola d’Elba è parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago toscano e dista dalla costa appena dieci chilometri. Per poterla visitare bene occorrono un paio di giorni quindi, se state realizzando un itinerario tra le isole della Toscana, il consiglio è quello di fermarvi in questa zona per alcune notti.

DOVE DORMIRE SULL’ISOLA DI ELBA: Trova tutte le offerte per alloggi

Tra le principali cose da vedere sull’isola d’Elba troviamo, in cima alla lista, la cittadina di Portoferraio, considerata il “capoluogo” e chiamata anche “città rosa”. All’interno di Portoferrario sono custodite splendide ville napoleoniche, siti archeologici di età etrusca e romana, le Terme di San Giovanni ed il Parco Minerario.

Itinerario e sailing in barca tra isole arcipelago Toscana

Nel sud dell’isola, a Pomonte, si trova invece il relitto dell’Elviscot. Gli appassionati di snorkeling e di immersioni lo considerano un “must” in quanto esso è poggiato sul fondale sabbioso ad appena 10 metri di profondità. Se amate fare trekking, un buon punto di partenza per esplorare sentieri e itinerari potrebbe essere il Monte Capanne, vetta dell’isola, mentre per i biker esiste un piccolo paradiso chiamato Bike Park Capoliveri con oltre 100 chilometri di strada ideale per i ciclisti.

Tra le migliori spiagge, infine, vi consiglio di esplorare quella di Le Ghiaie con il pittoresco Scoglietto Portoferraio a far da sfondo.

PIANOSA

La piccola ed estrema isola di Pianosa si trova ad un’ora di navigazione dall’isola d’Elba ed è ideale per un’escursione in giornata. Tra le migliori cose da fare e vedere spiccano il Forte Teglia, complesso eretto su uno sperone roccioso per volere di Napoleone Bonaparte, Cala San Giovanni (unica spiaggia balneabile), Chiesa di San Gaudenzio, Palazzo della Specola e Catacombe di Pianosa.

Consiglio! Se cercate un punto molto instagrammabile da cui osservare il miglior panorama dell’isola di Pianosa, recatevi a Marzocco. Da questo scoglio potrete anche ammirare il piccolo isolotto della Scola.

Veronica Crocitti