L’Appia Antica è un museo a cielo aperto, lungo ben 13 km, che sorge all’interno della Caput Mundi Roma. Il primo tratto di 4 chilometri costituisce la carreggiata antica (non più visibile) e da qui, per raggiungere i monumenti principali, è necessario percorrere le via delle Terme di Caracalla e di Porta San Sebastiano.

DOVE DORMIRE A ROMA: Trova tutte le offerte

Dopo questo percorso prende vita un “serpentone” pittoresco, ben conservato e pieno di cultura e antichità. I tanti cartelli esplicativi che si trovano lungo il cammino aiutano turisti e visitatori a capire quali pezzi di storia hanno dinanzi, permettendo loro di non tralasciarne neanche uno.

Mausoleo di Cecilia Metella – Appia Antica, Roma (Italia)Tra le principali attrazioni dell’Appia Antica spicca il Mausoleo di Cecilia Metella. Costruito fra il 30 e il 10 a.C., il Mausoleo è un monumento funerario al cui interno si trova il castello (castrum), eretto all’inizio del XIV dalla famiglia Caetani, ed il museo dell’Appia, che raccoglie reperti vari provenienti da questa storica via.

LEGGI ANCHE: I 5 angoli nascosti di Roma

Continuando ad avanzare lungo lo stradone della Appia Antica vi ritroverete infine in mezzo al verde, nella piena campagna romana. La differenza rispetto ad altre antiche vie è che qui, ovunque, ritroverete ad attendervi una rovina o un antico reperto. Altra caratteristica è poi il silenzio quasi surreale. E’ come se il moderno visitatore, prima di entrare in questi luoghi, abbia il dovere di chiedere il permesso.

DOVE DORMIRE A ROMA: Trova tutte le offerte

Per godere di queste sensazioni non è necessario pagare alcun biglietto di ingresso. Tutti possono immergersi nel silenzio, nel verde e nelle antiche rovine. Noterete anche come la carreggiata sia piena dei solchi degli antichi carri romani, segni evidenti del passaggio di tante persone vissute secoli prima di noi, in un’epoca ormai estinta ma che continua a regalare emozioni anche a distanza di anni ed anni.

@84Gipsy