Dalla Cittadella a Jerash, passando per Monte Nebo e il Mar Morto: 5 cose assolutamente da fare e vedere ad Amman, la Capitale della Giordania.


La città di Amman si estende nell’angolo nord-occidentale della Giordania, a poca distanza dal Mar Morto e da Israele, ed è una Capitale popolosa, attiva ed in continuo divenire.

 

Così come Roma, Amman sorge su sette colli, ad un’altitudine che oscilla tra i 1000 e i 700 metri dal livello del mare, ed è caratterizzata da 28 distretti e numerosi monumenti storici.

DOVE DORMIRE AD AMMAN: Trova tutte le offerte per alloggi

Immergersi nel dedalo di strade di Amman vuol dire immergersi nel cuore della cultura giordana, scoprire le testimonianze delle numerose popolazioni che qui hanno vissuto e regnato, gustare odori e sapori mediorientali, ripercorrere la storia di Assiri, Persiani e Greci, capire come mai questa Capitale fosse un tempo chiamata Philadelphia…. e, in definitiva, vuol dire cogliere la vera essenza del Paese.

5 COSE DA FARE E VEDERE AD AMMAN

Se state stilando un itinerario di viaggio in Giordania, tenete a mente che Amman dovrà di certo rientrare nelle vostre tappe, insieme a Petra e al pittoresco deserto del Wadi Rum. Per visitare bene la città e i suoi dintorni, che sono tanti e ricchi di luoghi imperdibili, occorrono almeno 4 giorni.

DOVE DORMIRE AD AMMAN: Trova tutte le offerte per alloggi

Dopo avervi dato tutte le informazioni pratiche per organizzare un viaggio in Giordania e dopo avervi lasciato una lista dei piatti tipici del Paese (assolutamente da provare!), in questo articolo vi porto a scoprire le 5 cose assolutamente da fare e vedere ad Amman.

CITTADELLA

La Cittadella sorge su uno dei sette colli (o jabal, montagne) di Amman ed è conosciuta in arabo come Jabal-al-Qal’a. Si tratta del sito storico più famoso della città, oltre che di uno dei luoghi abitati ininterrottamente più antichi al mondo. Al suo interno si trovano testimonianze del periodo neolitico insieme ad edifici di epoca romana, bizantina e omayyade. Tra questi spiccano il Tempio di Ercole, il Palazzo degli Omayyadi, la Cisterna Umayyade, la Torre di osservazione ayyubide e una chiesa bizantina.

blank

L’ingresso alla Cittadella di Amman ha un costo di 3 JD (circa 4 euro). E’ possibile acquistare il biglietto direttamente all’entrata (se avete il Jordan Pass esso è incluso). Gli orari di apertura del sito sono: 8:00 – 17:00.

blank

Nota Bene!  Tra le cose da vedere all’interno della Cittadella di Amman spicca anche il Museo Archeologico della Giordania che ospita reperti provenienti sia dalla Cittadella che da altri siti del Paese.

I CASTELLI DEL DESERTO

Situati a circa 30/40 minuti dal centro storico, i Castelli del Deserto della Giordania sono tre piccole meraviglie che rientrano, a pieno titolo, tra le cose assolutamente da vedere ad Amman.

DOVE DORMIRE AD AMMAN: Trova tutte le offerte per alloggi

Si tratta di tre antichi palazzi che risalgono al tempo degli Omayyadi e dei Romani:

  1. Castello di Kharana (Qasr al-Kharana): con una pianta quadrata ed un cortile interno, questo castello fungeva da residenza di caccia per i califfi omayyadi. Oggi la struttura è praticamente integra e mostra un impianto sasanide risalente al secondo impero persiano.

blank

  1. Castello di Amra (Quasayr Amra): è il più famoso palazzo costruito nel deserto, con uno stile islamico ed un aspetto davvero pittoresco. Il palazzo veniva utilizzato come residenza di ritiro del califfo, è decorato con affreschi di scene di caccia e fa parte della lista dei siti Patrimonio dell’UNESCO.

blank

  1. Castello del Walid (Qasr Azraq): costruito per essere una vera e propria fortezza (a differenza degli altri che erano più palazzi di residenza), esso era costituito dalle camerate dei soldati, un pozzo, mangiatoie per cammelli e cavalli ed una moschea senza minareto. E’ nel Castello del Walid che sono state girate alcune scene del film Lawrence D’Arabia (lui stesso in “I sette pilastri della saggezza” racconta di avervi passato tanto tempo).

JERASH (GERASA)

Situata a circa 50 chilometri dal centro di Amman, Jerash (Gerasa) è un’antichissima città le cui radici affondano nell’epoca neolitica. Il massimo apice di Gerasa si ebbe nel III secolo, quando essa divenne una colonia dell’Impero Romano. Dopo la caduta di Palmira, la città iniziò un lento declino che, a partire dal XII, si concretizzò in un vero e proprio abbandono.

blank

Oggi Jerash si presenta come uno dei più celebri luoghi da vedere non solo ad Amman ma nella Giordania intera, seconda solo a Petra. Il sito archeologico, ampio e vasto, è caratterizzato da diverse strutture rimaste quasi praticamente intatte.

DOVE DORMIRE A GERASA (JERASH): Trova tutte le offerte

Tra i principali luoghi che caratterizzano Gerasa spiccano:

  • Foro: racchiuso da 56 colonne, esso si presenta con una forma ellittica ed un “pavimento” lastricato con pietre di calcare. Si suppone che, nel passato, esso rappresentasse il centro della città o un’area sacra.
  • Tempio di Zeus: costruito su un santuario romano, del Tempio di Zeus rimangono solo alcune colonne ed alcuni fregi che ricordano l’arte dei Nabatei;
  • Arco di Adriano: la porta sud dalla città di Gerasa, alta 13 metri e larga 27, fu eretta in onore dell’imperatore Adriano;
  • Ippodromo: lungo 244 metri e largo 50, esso ospitava gare di atletica e corse di bighe. Un tempo poteva ospitare fino a 15mila spettatori;
  • Teatro Meridionale: si trova alle spalle del Tempio di Zeus ed è una struttura rimasta praticamente intatta. Nell’antichità poteva contenere fino a 5mila spettatori. L’acustica è rimasta ottima e basta posizionarsi al centro per sentire, forte e chiara, la propria voce (provare per credere!);
  • Tempio di Artemide: costituito da 12 colonne corinzie (oggi ne restano 11), esso spicca maestoso nella parte settentrionale del sito;
  • Cardo Massimo: è la via colonnata, la principale strada di Gerasa, lunga 800 metri e caratterizzata dalla pavimentazione originale.

L’ingresso al sito di Jerash ha un costo di 10 JD (incluso se avete il Jordan Pass). Gli orari di apertura sono: 8:00 – 16:00 (inverno); 8:00 – 18:00 (aprile e maggio); 8:00 – 20:00 (estate); 9:00 – 16:00 (venerdì e festività ufficiali).

MAR MORTO (DEAD SEA)

Tra le cose assolutamente da vedere nei dintorni di Amman, spicca il Mar Morto. Noto come “Mare del Sale”, il Dead Sea è un lago salato di oltre 600 km quadri che si trova al confine tra Giordania, Israele e Cisgiordania, a circa 1 ora e mezza di strada da Amman. Si tratta del punto più basso della nostra terra, ben collocato a 415 metri al di sotto del mare.

blank

Il Mar Morto è celebre per i suoi fanghi ricchi di minerali, altamente curativi e terapeutici, e per l’altissimo tasso di salinità che permette ai corpi di galleggiare con una facilità ben superiore a quella normale.

LEGGI ANCHE: Cosa mangiare in Giordania, tutti i piatti tipici

Per raggiungere il Mar Morto è possibile noleggiare un’auto, usufruire di un taxi (circa 100 dollari) oppure prenotare un’escursione in giornata da Amman (vi consiglio l’agenzia Renaissance – La Giordania di Fuad) che di solito comprende ingresso alla spiaggia e pranzo a buffet.

blank

Da sapere! Trovandosi oltre i 400 metri al di sotto del livello del mare, la temperatura in queste zone è sempre molto elevata (di norma, +10 gradi rispetto ad Amman). Quando vi immergete, evitate di bagnare la testa e fate in modo che gli occhi non vengano mai a contatto con l’acqua, ad altissimo tasso di salinità. Portate con voi un asciugamento e qualche soldo poiché “spargersi il fango su corpo e viso” prima di buttarsi nel Mar Morto ha un costo di 2 JD.

MONTE NEBO E MADABA

Tra le cose assolutamente da vedere nei dintorni di Amman spiccano i siti di Monte Nebo e Madaba.

LEGGI ANCHE: Come organizzare un viaggio in Giordania

Situato ad un’altezza di 817 metri, Monte Nebo è un luogo religioso legato alla tradizione ebraico-cristiana. E’ qui che, secondo le scritture del Deuteronomio, il profeta Mosè ebbe la visione della Terra Promessa che Dio aveva destinato al popolo eletto. Dal punto più elevato della montagna è possibile scorgere la vallata che si estende fino al Mar Morto e, nelle giornate senza foschia, anche la città di Gerusalemme.

All’interno del sito si trova una Chiesa Basilica che, secondo le scritture, sarebbe stata costruita per commemorare il luogo in cui morì Mosè. Si narra infatti che, su questo monte, Dio abbia seppellito il suo Profeta.

DOVE DORMIRE A MADABA: Trova tutte le offerte

La cittadina di Madaba sorge laddove un tempo vi era il sito biblico Medba (Medeba), non lontano dal Monte Nebo, lungo l’antica Via Regia.

La sua principale attrazione è caratterizzata dalla Mappa di Terrasanta, un mosaico bizantino in origine lungo 15-25 metri e largo 6 che si trova sul pavimento della Chiesa di San Giorgio. Si tratta di un itinerario che raffigura la strada per raggiungere Gerusalemme con 157 didascalie in greco e raffigurazioni che ritraggono i principali siti biblici del medio Oriente, dell’Egitto e della Palestina.

Veronica Crocitti