Isole da sogno immerse nell’Oceano Indiano, meta agognata da turisti e viaggiatori, le Mauritius sono davvero “la Stella e la Chiave” di tutto ciò che le circonda. Tra mare, profumi e gente sempre accogliente, scopriamo insieme queste terre paradisiache.

Tempio Indu Gran Talao - Mauritius

Tempio Indu Gran Talao – Mauritius

INFORMAZIONI DI BASE. Per arrivare alle Isole Mauritius, dall’Italia, si impiegano circa 14-15 ore, con uno scalo che solitamente è in una città europea (ad esempio con la Air Mauritius lo scalo è a Parigi). La popolazione è di circa 1.300.000 persone, la moneta è la Rupia Mauriziana (1 euro = 39 rupie) e le lingue ufficiali sono l’inglese e il francese, anche se in realtà i mauriziani parlano principalmente il creolo. L’isola è abitata principalmente da persone hindu dai tratti somatici tipicamente indiani, ma ci sono anche molti musulmani, oltre a diverse etnie e religioni che convivono pacificamente. Ecco perché, una volta giunti in questa terra fantastica noterete subito, oltre ai bellissimi colori del mare, la diversità e la pacificità della gente.

Tempio Indu Gran Talao - Mauritius

Tempio Indu Gran Talao – Mauritius

COME MUOVERSI E COSA VEDERE. Per scoprire l’isola senza voler noleggiare una macchina è possibile affidarsi ad un’agenzia locale, come la MauriTours, che tra le varie opzioni offre anche un tour del sud di Mauritius. Si tratta di una zona ancora vergine, piena di foreste, di palmeti e bananeti, totalmente differente dal nord che invece è completamente sfruttato. Le coltivazioni principali, qui, sono il thè e la canna da zucchero. Lungo il viaggio potrete fare una sosta a Curepipe, tipica città mauriziana con un famoso mercato locale, dove sarete sopraffatti dagli odori delle spezie, della frutta e della carne.

Mercato Curepipe - Mauritius

Mercato Curepipe – Mauritius

Proseguendo giungerete a Chamarel, la terra dai sette colori. Si tratta di un luogo incredibile, immerso nella giungla, dove potrete ammirare degli scorci simili ad un ambiente preistorico, con cascate d’acqua e vegetazione lussureggiante. Chamarel è una terra ricca di minerali e l’origine vulcanica dell’isola ha fatto sì che questi regalassero al paesaggio dei colori unici: blu, viola, rosso e ocra. E’ consigliatissima anche una visita al tempio Hindu di Ganga Talao, il più importante dell’isola, che sorge nei pressi del lago Grand Bassin. E’ considerato dai devoti come un luogo sacro legato al Gange, pieno zeppo di pesci, in cui è vietatissimo pescare.

Chamarel, terra dei sette colori - Mauritius

Chamarel, terra dei sette colori – Mauritius

Il MARE E LA FAUNA. Il mare delle Mauritius, oltre ad essere splendido, è tra i più ricchi al mondo in termini di barriera corallina. Le spiagge più reclamate sono quelle di Flic-en Flac e della Ile-aux-Cerfs, anche se non esiste angolo degno di esser visitato. Ogni scorcio di mare, qui, è splendido. Non bisogna inoltre dimenticare che questa è l’unica isola in cui vivono ancora le tartarughe giganti. In passato, infatti, questi animali furono sterminati da francesi e inglesi poiché considerati, insieme al Dodo, l’unica fonte di carne (prima dell’introduzione dei cervi). Oggi, grazie ad un programma di ripopolamento, le tartarughe giganti sono state riportate qui dalle vicine Seychelles, dove ancora sopravvivono intatte.

DOVE MANGIARE. Vi sono tante soluzioni per gustare del buon cibo. Un ottimo ristorante è sicuramente l’Escale Creole dove si mangia cucina creola. E’ una cucina tipicamente speziata, ma deliziosa. La cosa più strana che potrebbe capitarvi di assaggiare è il cuore della palma.

DOVE DORMIRE. Anche in questo caso vi sono tante soluzioni. Le coste sono piene di Resort lussuosi, con All Inclusive e tutte le comodità possibili, ma è possibile scegliere anche le ottime Guest House. Avrete ampia scelta per le vostre esigenze.

Beatrice Clerici (Il Mondo Secondo Gipsy)