Incastonato nella fascia jonica della provincia di Messina, antico borgo di pescatori divenuto una delle riviere estive più apprezzate dell’intera Sicilia, Santa Teresa di Riva è un tripudio di bellezza, pulizia e cura.

Adagiato a due passi dal mare, con le sue bianche spiagge che si estendono per oltre 3 chilometri di sabbia soave, il Comune di Santa Teresa di Riva è stato una tappa “straordinaria” ed inaspettata del mio tour “Sicilia in 500”.

Scopri tutte le altre tappe del tour

L’avventura è iniziata lungo la A18, l’autostrada che collega le città di Messina e Catania. Era domenica mattina ed il sole stava per far capolino da est quando, a bordo di una Cinquecento color perla, ho imboccato l’uscita di Roccalumera e mi sono avviata, armeggiando tra doppiette e marce, verso il lungomare. Santa Teresa di Riva mi ha immediatamente accolto mostrandomi la sua riviera, di una bellezza quasi violenta. Sono rimasta così estasiata da quel panorama che, per un attimo, ho creduto di star ancora sognando.

Percorrendo la Strada Statale 114, mi sono più volte fermata ad ammirare quelle particolari strutture in acciaio che costellano il lungomare e che portano, in calce, la firma dell’artista Nino Ucchino. Quel materiale così luminoso attirava i raggi del sole riflettendoli poi su tutto ciò che c’era nei dintorni, contribuendo a render quella già magica atmosfera ancor più surreale.

Dopo aver respirato un po’ di salsedine ed aver rinvigorito i polmoni, ho ripreso la macchinina e mi sono addentrata nella splendida Villa Ragno, in quel giardino così caratteristico che, a prima vista, ti regala l’impressione di esser finito direttamente in una delle location di Miami Beach.

E’ qui che ho incontrato colui che mi avrebbe fatto da Cicerone per tutta la tappa, il Sindaco Danilo Lo Giudice. “Santa Teresa è un gioiello di cui tutti abbiamo cura” mi ha subito spiegato, quasi parlasse di una figlia amata.

Con il Sindaco Danilo Lo Giudice

Passeggiando sul lungomare ho avuto modo di scoprire la storia di questo vecchio borgo di pescatori divenuto oggi il Centro Commerciale Naturale più importante di tutta la Riviera jonica. Il Sindaco mi ha spiegato come Santa Teresa di Riva abbia, per il secondo anno di fila, ricevuto il riconoscimento di “Bandiera Blu”.

A me è bastato dare uno sguardo alla spiaggia, a quelle 42 isole ecologiche per la raccolta differenziata, ai punti doccia, ai bagni chimici per disabili, alle sedie job, alla continua assistenza ai bagnanti per capire quanto, quel premio, fosse stato meritato.

Scopri tutte le offerte per alloggi a Santa Teresa Riva

La Bandiera Blu troneggia sul Municipio di Santa Teresa di Riva

Mentre camminavo e godevo beata della vista del Capo di Sant’Alessio Siculo che si stagliava all’orizzonte, mi sono anche resa conto di quanto questo Comune sia a misura di bimbo e di… atleta! Pensate che, per venire incontro alle esigenze di abitanti e turisti più in forma, sul lungomare di Santa Teresa è stata allestita una vera e propria “area fitness” in cui ognuno può sentirsi libero di allenarsi tra un tuffo e l’altro.

Blu e verde dominano in questa landa di terra che da oggi in poi porterò per sempre impressa nella mia memoria. Blu, come la meritata Bandiera che troneggia sul parapetto del Municipio e che sta lì a ricordare l’orgoglio di cittadini, istituzioni, messinesi tutti. Verde, come quegli spazi curati e puliti che costellano, quasi fossero oasi di natura nel mare, l’intero paese.

Ho lasciato Santa Teresa di Riva salutandola con rispetto, ringraziandola di cuore per avermi mostrato una parte bella, sana e pulita della mia isola già di per sé stupenda.

Veronica Crocitti

#SiciliaIn500