Città d’arte per eccellenza, casa natale di Arturo Toscanini, sede di musica, università e buon cibo, Parma è un capoluogo dell’Emilia Romagna tanto suggestivo quanto gradevole.

Nell’antichità fu Capitale del Ducato di Parma e Piacenza e, di quel tempo d’oro, essa conserva ancora ricordi, palazzi, parchi e splendidi monumenti. Nel 2015 l’Unesco l’ha nominata “Città creativa” per la gastronomia e, passeggiando nel suo centro storico, è facile capirne il motivo.

Scopri un magico on the road tra i Castelli del Ducato di Parma e Piacenza

Per visitarne i maggiori punti d’interesse potreste aver bisogno anche di una sola giornata poiché tutto, a parte la Reggia di Colorno e la Certosa (per cui avrete bisogno di spostarvi con la macchina), ruota attorno all’antica Piazza Grande, oggi Piazza Garibaldi, completamente pedonalizzata. Per agevolarvi il lavoro, vi lascio una lista delle 10 cose assolutamente da fare e vedere se vi trovate in città.

  1. DUOMO DI PARMA. L’originale Duomo della città fu quasi interamente distrutto dal terremoto del 1117 e ricostruito, alla fine del secolo successivo, in stile romanico padano. La facciata è rivestita da lastre di arenaria gialla, tipica degli Appennini, ed ha tre grandi portali. Caratteristica è la cupola Cinquecentesca che raffigura l’Ascensione della Madonna, dell’artista Correggio.
  2. BATTISTERO DI PARMA. Accanto al Duomo, maestoso ed imponente, si erge il Battistero. Con la forma di ottagono e il rivestimento di marmo rosa e rosso di Verona, esso è un vero colpo d’occhio.
  3. PALAZZO VESCOVILE. Esso sorge proprio dinnanzi al Duomo, nella stessa piazza, ed è la sede del Vescovo di Parma. Al suo interno si trova il Museo Diocesano dove è anche visibile il nuovo Battistero virtuale.
  4. SPEZIERIA DI SAN GIOVANNI. Si trova alle spalle del Duomo, accanto alla Chiesa di San Giovanni Evangelista, ed ha il pregio di esser un “pezzo” più unico che raro. La spezieria conserva al suo interno vasi da farmacia, boccali e mortai per la preparazione di medicinali, ed è oggi gestita dai Frati Benedettini. 
  5. PALAZZO DELLA PILOTTA. E’ uno dei simboli dell’antico potere ducale, nonché dell’intera città di Parma. Il palazzo della Pilotta fu costruito tra il 1500 e il 1600 e prende il nome dal gioco della “pelota basca”. Imponente e immenso, questo complesso “ospita” al suo interno la Biblioteca Palatina, il Museo Archeologico Nazionale ed il Museo Bodoniano. 
  6. MUSEO GLAUCO LOMBARDI. Questo particolare Museo, che si trova proprio dinnanzi al Palazzo della Pilotta, fu costruito a Colorno e poi trasferito a Parma. Al suo interno si trovano cimeli e testimonianze dell’antica vita ducale, come ad esempio il manto di Maria Luigia e le lettere del Re di Roma e di Napoleone alla Duchessa. 
  7. PALAZZO E PARCO DUCALE. Il Parco Ducale sorge al di là del fiume di Parma, affluente del Po, e ricorda molto lo stile dei parchi alla francese. Al suo interno si trova il Palazzo Ducale dove sono custodite alcune opere manieristiche ispirate ai temi dell’Orlando Furioso e realizzate da Bertoja, Mirola e Carracci.
  8. CASA NATALE DI ARTURO TOSCANINI. Arturo Toscanini nacque a Parma il 25 marzo 1867 e qui coltivò la sua passione per la musica che lo rese celebre in tutto il mondo. La sua Casa Natale si trova nel quartiere popolare dell’Oltretorrente, proprio alla sinistra dell’entrata principale del Parco Ducale, ed oggi è divenuta un Museo. 
  9. REGGIA DI COLORNO. Con le oltre 400 sale ed un meraviglioso giardino alla francese, la Reggia di Colorno è un’enorme struttura architettonica che si erge nel pieno centro di Colorno, a circa 30 minuti di strada da Parma. Essa fu la dimora dei Sanseverino, dei Farnese, dei Borbone e, infine, anche di Maria Luigia d’Austria a cui il Congresso di Vienna, nel 1815, affidò il Ducato di Parma, Piacenza e Guastalia.
  10. CERTOSA DI PARMA. Conosciuta con il nome di Certosa di San Girolamo, per circa 500 anni essa fu la sede di un monastero di Certosini. Se vi state domandando se è possibile visitarla dall’interno, la risposta è “purtroppo no”! Certo, potete sempre provare, come ho fatto io che mi sono presentata in portineria e ho chiesto: “Scusi posso fare qualche foto?”. La risposta, categorica: “Guardi che la Certosa è una Scuola di Polizia”…

Al di là di questa lista di “10 cose da fare e vedere”, se siete nel centro storico di Parma vi consiglio anche una visita al Teatro Regio, alla Casa della Musica, all’Auditorium Niccolò Paganini e alla Casa del Suono. Se avete bisogno di un alloggio, potete invece consultare questo link con tante offerte per B&B e Hotel nella zona.

Veronica Crocitti

#InViaggioConVeronica