Zanzibar è una delle isole più famose e affascinanti di tutta l’Africa orientale. Grande meta di turisti e viaggiatori, essa è amatissima per le sue spiagge bianche, le sue conchiglie, il suo Oceano Indiano, i profumi, gli odori di spezie…. Vi lascio una lista di 10 cose assolutamente da fare e vedere per evitare di non perdere nulla di questo piccolo Paradiso terrestre.

Se cercate un alloggio a Zanzibar potete consultare qui.

  1. Nuotare coi delfini nella Dolphin Bay. E’ una delle esperienze più magiche che potrà mai capitarvi di vivere. Non si tratta, ovviamente, di nuotare coi delfini in una piscina bensì nell’Oceano Indiano, nel loro habitat naturale, ben oltre la barriera corallina. Solitamente l’escursione parte la mattina poco prima dell’alba, intorno alle 5.30. Vi verranno a prendere direttamente al Resort o all’Albergo e poi vi condurranno nella spiaggia di Kiminkazi, a sud dell’isola. Da lì, con una barchetta, giungerete infine nel punto in cui, solitamente, passano i delfini. Avrete la possibilità di immergervi e nuotare con loro diverse volte… e, credetemi, sarà stupendo. Ovviamente (come tutte le cose a Zanzibar – anche l’aria), l’escursione ha un costo che si aggira intorno ai 30 dollari a persona (circa 25 euro).
  2. Visitare Stone Town. Se credete che Zanzibar sia solo spiagge e mare, vi sbagliate di grosso. Stone Town è la Capitale dell’isola e merita, senza se e senza ma, una visita più che approfondita. Dedalo di stradine dallo stile fortemente arabeggiante, culla della quotidianità e dell’attività, Stone Town è una città che odora di mare e pullula di gente. Immergetevi nel Mercato delle Spezie, assistete alle aste del pesce, stupitevi dinnanzi alla quantità di polli e frutta esotica e poi ricordate, qualora vogliate acquistare qualcosa, di mercanteggiare e trattare sul prezzo! Da non perdere le moschee, la House of Wanders (Casa delle Meraviglie), l’Old Fort (forte arabo) e la Casa di Freddie Mercury.
  3. Vedere le tartarughe giganti a Prison Island. Nota anche come Changuu, Prison Island è una piccola isola appartenente all’arcipelago di Zanzibar nota per esser la “casa” di un Parco zoologico di tartarughe giganti. Essa dista circa 20 minuti di barca dal porto di Stone Town e, per raggiungerla, è possibile prenotare un’escursione (direttamente dal vostro Resort/Albergo oppure al porticciolo). Una volta sbarcati, potrete godere della vista di queste enormi tartarugone che vivono, a centinaia, all’interno dell’isola. Solitamente l’escursione prevede anche un po’ di snorkeling nelle vicinanze e il costo totale si aggira sui 30 dollari a persona.
  4. Raccogliere conchiglie nelle spiagge bianchissime. Sbarcando a Zanzibar avrete l’impressione di esser sbarcati direttamente in paradiso. Le spiagge, bianchissime, sono piene di conchiglie di ogni tipo. Grandi, piccole, strambe, rare… ce ne sono davvero per tutti i gusti. Camminare sulla battigia e raccoglierle, passo passo, sarà una delle cose più rilassanti e (forse) infantili che farete. Ma sarà anche una delle più belle. 
  5. Visitare Jozani Forest. Il Parco Nazionale di Jozani Chwaka Bay si trova nell’entroterra di Zanzibar ed è famoso per esser la “casa” del colobo rosso (Piliocolobus kirkii), una specie di scimmia presente soltanto in questa area. Non ne troverete traccia, difatti, in nessun’altra parte del mondo.
  6. Fare snorkeling lungo la barriera corallina. La barriera corallina, almeno nella zona di Jambiani (a est dell’isola), si trova a poca distanza dalla spiaggia. L’escursione prevede un giro sulla dhow, tipica imbarcazione, e poi snorkeling alla scoperta di alcuni tratti della barriera. Anche questa ha un costo e si aggira intorno ai 10/15 dollari (solitamente vi forniscono anche maschere e pinne).
  7. Vedere l’alba da Jambiani. Jambiani è una piccola frazione di Zanzibar che si trova nella parte orientale dell’isola. Questo tratto di costa dà direttamente sull’Oceano Indiano e, idealmente, si affaccia sulla lontana India. Per questo l’alba, qui, è tra le più vive e le più rosse che potrete mai vedere a Zanzibar. 
  8. Vedere la casa di Freddie Mercury. Freddie Mercury nacque a Zanzibar il 5 settembre 1946. La sua casa natale si trova a poca distanza dal porto di Stone Town, in via Kenatta Road. Non aspettatevi insegne stratosferiche o cose da grandi star, poiché non troverete nulla di tutto questo. Solo un portone e qualche locandina… ma val pur sempre la pena andare a “toccare con mano” il luogo in cui nacque la grande star del rock. 
  9. Visitare una Spice Farm. Si tratta di un’esperienza “sensitiva” davvero unica. Avrete la possibilità di recarvi in una vera e propria “Fattoria” delle Spezie e apprendere il modo in cui esse vengono coltivate, raccolte, trasformate. Durante l’escursione vi faranno degustare spezie, erbe aromatiche e frutta e sarà piacevole sia per gli occhi che per il palato. Anche quest’escursione ha un costo che si aggira intorno ai 25 dollari. 
  10. Godersi la vita all’insegna di Pole Pole e Hakuna Matata. Sono le parole chiave di tutta la “filosofia” di vita di Zanzibar, e forse dell’intera Africa. All’inizio verrete sopraffatti dalla “lentezza” (Pole Pole significa “lento lento”) di chi vive e lavora in questi luoghi ma, dopo un po’, inizierete ad apprezzare la serenità che aleggerà intorno a voi. Piano piano, senza problemi e con Hakuna Matata, inizierete a non rincorrere il tempo, a lasciarvi coinvolgere dalle maree, dalle albe, dai tramonti… godendo soltanto di ciò che la natura e l’Oceano sapranno regalarvi.

Veronica Crocitti

#InViaggioConVeronica