Incastonata nel cuore più vivo del Continente Nero, la Tanzania offre angoli di natura tra i più paradisiaci al mondo. Baobab giganti, elefanti, leoni, spiagge bianchissime, isole selvagge. Viaggiare in Tanzania vuol dire immergersi in colori e sapori unici, talmente genuini da sembrare quasi usciti da un documentario d’altri tempi.

Clicca qui per vedere tutte le foto della Tanzania

Se state organizzando un viaggio in questo Paese, allora vi servirà consultare questo vademecum di modo da arrivare preparati sotto ogni punto di vista.

Scopri un magico itinerario on the road alla scoperta della Tanzania

QUALI DOCUMENTI SERVONO. Per viaggiare in Tanzania serve un Passaporto con almeno 6 mesi di validità residua. All’ingresso nel Paese (a seconda di dove atterrerete) sarà obbligatorio fare il visto il cui costo è di 50 dollari a persona. Non c’è bisogno di pensarci in Italia poiché questo verrà fatto al momento dell’atterraggio.

DENARO. La valuta locale è lo Scellino Tanzano (TSH), il cui cambio in euro è circa 1 Euro = 2300 TSH. In quasi tutti i posti è comunque possibile pagare in dollari (1 dollaro = circa 2000 TSH). Non fate troppo affidamento sulle carte di credito perché non sono quasi mai accettate e, comunque, è anche difficile trovare posti in cui prelevare denaro in contante (soprattutto nelle zone interna, quelle dei Parchi e dei Safari). Il mio consiglio è quello di portare con voi i dollari (che potrete cambiare in Italia) necessari per l’intero soggiorno. Fate attenzione ai pagamenti! Loro cercheranno sempre di “giocare” sui cambi proponendovi cifre in dollari che poi non corrispondono agli Scellini… basterà farglielo notare.

FUSO ORARIO. Il fuso orario è + 2 ore rispetto all’Italia (+ 1 ora quando è in vigore l’ora legale).

Safari

COMUNICAZIONI TELEFONICHE. Per chiamare in Italia basta digitare il 0039 + il numero telefonico. Il mio consiglio è quello di acquistare una Sim tanzana e attivare internet (tutto costa intorno ai 10 dollari) oppure le semplici chiamate internazionali. Fate comunque attenzione perché in tantissime zone la copertura non è disponibile e i WI-FI non funzionano quasi mai (o se funzionano, funzionano male).

SALUTE E VACCINI. La Tanzania presenta rischio di malaria, soprattutto nelle zone costiere e sulle isole. Le vaccinazioni contro il tifo e il colera non sono obbligatorie ma per tutte le informazioni è sempre consigliato contattare il medico di fiducia. La vaccinazione contro la febbre gialla NON è obbligatoria, a meno che non proveniate da zone a rischio. Se avete fatto scalo in Etiopia (e questo è durato meno di 12 ore, secondo la legge, la vaccinazione NON è obbligatoria).

Lodge

PRESE E ELETTRICITA’. Le prese utilizzate in Tanzania sono quelle a tre spine (due piatte orizzontali e una verticale). In molte zone, soprattutto nei lodge e durante i safari, l’elettricità viene staccata durante la notte.

LINGUA PARLATA. La lingua ufficiale della Tanzania è lo Swahili, sebbene in molti parlino l’inglese. Tra le parole che sentirete più spesso: Jambo (ciao), Haribu (benvenuti), asante (grazie), mambo? (come va?), pole pole (piano piano) e….. Hakuna Matata!

Veronica Crocitti

#InViaggioConVeronica