Chi non ha mai sognato di correre a perdifiato lungo la celeberrima scalinata di Philadelphia, sentendosi un po’ Rocky Balboa? E chi, ripensando alla grande storia americana, non ha mai desiderato sedersi laddove i Padri Fondatori hanno davvero firmato la Costituzione degli Stati Uniti?

Philadelphia è una delle città americane più amate, nonché tra le più antiche. Scenario di grandi set cinematografici, culla di arte e cultura, essa racchiude in sé anche l’America più “vera”, quella che nelle vicine Washington e New York si sente davvero poco.
COME ARRIVARE. Il centro storico, vero fiore all’occhiello, è racchiuso tra i fiumi Delaware e Schuylkill ed è facilmente visitabile in una giornata. Per arrivare a Philadelphia esistono tanti modi. Innanzitutto essa si trova a poca distanza sia da Washington (2-3 ore) che da New York (2-3 ore). Il mio consiglio è quello di affidarvi ad un pullman e non ai treni, considerando i prezzi altissimi delle ferrovie americane. Potrete tranquillamente prenotare un posto su internet (per esempio su Megabus e GreyHound, i più famosi). Noterete che il costo dei biglietti è veramente irrisorio (talvolta anche sui 20 dollari). Si tratta infatti di compagnie low cost che però garantiscono il massimo della sicurezza, della precisione e della puntualità: non rimarrete delusi!
COSA VEDERE. Una volta “sbarcati” nella città di William Penn, il fondatore, potrete dedicarvi alla visita dei principali luoghi di interesse. In qualsiasi modo abbiate deciso di raggiungere Philadelphia, il vostro punto di partenza sarà (quasi certamente) la Stazione. Essa si trova a due passi dal centro storico, che potrete raggiungere attraverso la strada principale della città, la Market Street. Proseguendo lungo il vialone vi ritroverete dinnanzi alla City Hall, il più alto edificio in marmo del mondo. Dalla guglia più elevata (circa 167 metri da terra) la statua di William Penn vi darà il benvenuto.
Proseguendo verso est ed oltrepassando la City Hall, vi giungerete alla zona dell’indipendence National Historical Park, dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Ad accogliervi sarà l’Indipendence Visitor Center dove potrete chiedere informazioni per l’ingresso e la visita alla Indipendence Hall. E’ proprio all’interno di questo edificio che, il 2 luglio 1776, venne discussa e ratificata la Dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti d’America. Il campanile ospitò in passato la Liberty Bell, mentre oggi custodisce la Centennial Bell del 1876. L’originale Bell (quella con la famosa crepa), infatti, si trova accanto, lungo la strada all’interno del Liberty Bell Center.
Non lontano dall’indipendence National Historical Park si trovano altri luoghi di grande interesse, che meritano di certo una visita. Tra questi vi sono il National Liberty Museum, le piazze Washington Square e Franklin Square e, poco più a sud, il Philadelphia’s Magic Gardens, una particolarissima galleria d’arte fatta di mosaici e murales coloratissimi.
L’altro famoso “quadrilatero” di Philadelphia è quello che inizia a Logan Square e finisce all’Art Museum Steps. Se vi trovate alla City Hall, basterà prendere la Benjamin Franklin Pkwy per ritrovarvi dinnanzi alla famosissima scultura dell’amore (Amor Sculpture) e all’Istituto Franklin, uno dei più antichi centri di educazione scientifica degli Stati Uniti. Proseguendo sempre sulla Benjamin Franklin Pkwy passerete dalla Free Library, dalla Barnes Foundation, dal Rodin Museum e, infine, giungerete al The Oval, l’inizio della celeberrima scalinata di Rocky Balboa. Per i più atleti, l’obbligo è di percorrerla correndo! In cima, ad aspettarvi vi sarà la Rocky Statue e l’ingresso dell’Art Museum Steps!
CURIOSITA’. Se avete qualche ora in più da dedicare alla visita della città di Philadelphia e siete accompagnati da figli e bimbi, vi consiglio un salto allo Zoo ed al Please Touch Museum. Si tratta di un museo proprio per bambini, basato sul concetto di apprendere sperimentando attraverso giochi interattivi ed eventi speciali.
Veronica Crocitti