Barcellona è certamente una delle mete imperdibili per chi ama l’arte pittorica e non solo. Solo per citarne alcuni, nella città catalana, potrete osservare da vicino capolavori di Artisti del calibro di: Picasso, Velasquez, Dalì e Mirò. Cubismo, impressionismo, modernismo, post-modernismo, tutte le più celebri correnti pittoriche del Novecento trovano casa in questa città (clicca qui per vedere tutte le foto della città). Diverse anche le gallerie d’arte contemporanea che ospitano le nuove leve artistiche nel campo della pittura e della scultura. Per gli amanti del classico, però, non mancano certamente i musei  a Barcellona dedicati all’arte medioevale e rinascimentale.

Cerchiamo di tracciare un itinerario possibile che cerchi di soddisfare i gusti di un gruppo eterogeneo. Potremmo partire proprio dal celebre Museu Picasso. Apre i battenti nel 1963, ospitato all’interno del Palau Aguilar e trasferitosi, cinquant’anni dopo, in ben cinque palazzi adiacenti. La collezione vanta 3800 opere d’arte. Due degli edifici sono dedicati ad esibizioni temporanee. Il Museu Picasso raccoglie soprattutto le opere della giovinezza del pittore di Malaga.

Uno dei musei più importanti di Barcellona è senz’altro il Museo Nazionale d’Arte della Catalogna. Lo slogan del museo rende bene la mission dello stesso: “Un museo, 1000 anni d’arte”. Vanta, infatti, diverse collezioni che forniscono una esaustiva panoramica sull’arte catalana dal XII al XX secolo. Qualche anno fa il museo ha visto nascere un ulteriore piano per poter esporre la sezione della collezione Thyssen-Bornemisza, che precedentemente era sconosciuta ai più ed ospitata nel convento di Pedralbes. Anche in questo museo sono esposti importanti opere di Gaudì e Picasso.

Un’altra imperdibile collezione è quella della Fondazione Joan Mirò. Basti pensare che parliamo di uno dei più grandi musei al mondo, progettato da Josep Lluis Sert. La collezione ospita oltre 5000 disegni di Mirò più tutti i suoi lavori grafici, oltre 200 quadri e 150 sculture.

Pur consci di tagliare fuori altri importantissimi musei non possiamo non citarne uno dedicato all’Architetto che ha contribuito, con le sue forme moderniste, a rendere famosa Barcellona nel mondo. Parliamo della Casa Museo di Gaudì. La casa ha quattro piani e nonostante non sia visitabile interamente, è possibile ammirare gli oggetti personali dell’Artista e  i suoi mobili originali ma soprattutto quelli progettati dall’Architetto per altri suoi progetti come: Casa Batllò, Casa Calvet o Casa Milà.

A cura di Marta Salvini – Vado a Barcellona