Tutti i grandi di oggi sono stati i bambini di ieri, con sogni, desideri, piccole magiche convinzioni. Come quella di credere che, la notte del 24 dicembre, un omone vestito di rosso e con la barba bianca lunga lunga, parta dal lontano Polo Nord a bordo di una slitta trainata da renne e, con dietro di sé stipati tutti i regali del mondo, scenda per i camini delle case consegnando i suoi doni.

GUARDA ANCHE: Cosa fare a Rovaniemi, la città di Babbo Natale

Incontrare Babbo Natale è il sogno nel cassetto di ogni bambino e di tantissimi adulti che, bambini, lo sono rimasti nell’anima. Il rituale è sempre stato lo stesso: letterina a Santa Claus, attesa della notte di Natale, discesa dal camino. E tutti, indistintamente, hanno sempre saputo che quel “bonaccione” vestito di rosso abitasse nel freddo Circolo Polare Artico, in un lontano mondo chiamato Lapponia, dove il ghiaccio e la neve duravano per tutto l’anno. Lì, nel suo Villaggio, il Babbo riceveva le letterine di tutti, le smistava grazie all’aiuto di Elfi e Piccoli Aiutanti, preparava i doni nel suo laboratorio e li ordinava in pile nel suo ufficio, mentre le renne attendevano buone di svolgere il loro lavoro.

GUARDA ANCHE: Offerte per alloggi a Rovaniemi

COME ARRIVARE. Il vero Santa Claus Village sorge poco più a nord di Rovaniemi (circa 8 km), nella Lapponia finlandese, esattamente lungo la linea del Circolo Polare Artico. Per arrivare è possibile prenotare delle escursioni (i prezzi variano dai 120 ai 150, a seconda di cosa includono), oppure prendere un autobus (numero 8) che, dal centro di Rovaniemi, lascia direttamente all’ingresso.

GUARDA ANCHE: Lapponia, dormire in un hotel di ghiaccio

COSA VEDERE. Babbo Natale vive nel suo ufficio, circondato da Elfi, ed è sempre disponibile ad incontrare grandi e piccini. L’ingresso è gratuito ma non è possibile fare fotografie. Le uniche scattate sono quelle ufficiali e, per poterle scaricare in formato digitale, è necessario pagare una cifra che va dai 30 ai 40 euro. Dinanzi all’ingresso dell’ufficio di Santa Claus si apre uno spiazzale dominato da un pupazzo di neve gigante e, affianco, delle colonne segnano il passaggio della linea del Circolo Polare Artico. Due volte al giorno (mattina e pomeriggio) si svolge la cerimonia ufficiale del passaggio della linea del Circolo Polare Artico (se volete prenotare o farvi rilasciare un attestato è necessario pagare una quota).

Santa Claus Village

Il Villaggio è abbastanza grande e val la pena trascorrervi all’interno almeno mezza giornata. Accanto all’ufficio di Santa Claus sorgono il Post Office e i vari negozietti di souvenire, con ristoranti e caffè.

Nei dintorni si trovano un allevamento di renne e due di cani husky. In ognuno di essi è possibile provare l’ebrezza di esser trainati su una slitta. I prezzi variano a seconda della durata del percorso (per gli husky dai 30 ai 50 euro, per le renne dai 18 ai 30).

All’interno del villaggio si trovano anche una piccola kota (tipica lappone), il “Roosvelt Cottage” (tipica struttura finlandese), lo Snowman World (è possibile, al costo di 20 euro, visitare l’igloo con le sculture di ghiaccio) e il Santa Claus Holiday Village.

GUARDA ANCHE: Itinerario on the road tra le Capitali del Nord Europa 

INFO UTILI. Esiste una connessione WiFi gratuita all’interno del Villaggio a cui è possibile accedere liberamente. La fila per incontrare Babbo Natale è abbastanza lunga, a meno che non andiate nei momenti di “pausa” (verso le 14.30) quando ormai i gruppi organizzati se ne sono andati e il Villaggio è relativamente più libero.

Il giro sui cani husky è emozionante (ma solo se non avete la possibilità di farne uno che duri almeno un paio di ore), mentre quello sulle renne è adatto, principalmente, ai bambini. Esiste una caffetteria, molto caratteristica, che sorge proprio accanto al Roosvelt Cottage. Per riscaldarsi dal freddo basta un buon té lappone finlandese o un caffè (completamente diverso da quello italiano), cotto su un camino. Troverete, accanto, sempre dei biscottini pronti ad accompagnare le vostre bevande.

Veronica Crocitti